giovedì, Ottobre 1, 2020

Ma di Celia Rowlson-Hall – Venezia 72, Giornate degli autori

In questa visione moderna del pellegrinaggio di Maria, una donna attraversa un arido paesaggio nel sudovest degli Stati Uniti. Reinventato e raccontato interamente attraverso il movimento, il film decostruisce il ruolo di questa donna che incontra un mondo colmo di personaggi forti, talvolta terribili, talvolta sublimi. Un viaggio surreale dove si intrecciano rituali, performance.

L’esperimento di Celia Rowlson-Hall si perde irrimediabilmente nel limbo dell’intraducibile, che diviene difetto nel momento in cui non si riesce ad unire i vari tasselli e a donare un nuovo senso a partire da elementi surreali, che non sono mai casuali.

Anche i movimenti performativi che accompagnano il viaggio di questa Vergine Maria in stivali rossi, rimangono qui un semplice retaggio culturale della regista e interprete del film, la quale vanta di una vera e propria carriera come ballerina professionista. Dunque le performance e i corpi ripresi come delle sculture, non riescono ad amalgamarsi bene, rimanendo entro i limiti, nonostante voglia superarli a tutti i costi.
Mentre, ai fini di una traduzione che sia sperimentale, intersemiotica, da un linguaggio a un altro (in questo caso da linguaggio corporeo a linguaggio visivo), occorre che la “traduzione identifichi, forzi, i limiti del mezzo tradotto”.

Ma incorre nella carenza, poiché purtroppo non riesce a dare l’idea della forma testuale, contando una serie di elementi che spaziano tra il surrealismo e il pop, strano ibrido “mostruoso” tra il cinema di David Lynch e di Quentin Dupieux, ad uno stato però germinale, carente e legato all’idea di un’estetica glamour priva di sostanza.

L’assenza di dialoghi, poi, non riesce a supportare/sopportare il peso degli intrecci folli del racconto frammentato, anche se a tratti si rivela interessante l’associazione tra suoni, rumori e immagini, che acquisiscono, almemo parzialmente, il significato di reazione allergica al mondo esterno dell’uomo.

C’è troppa distanza tra cinema e luce-movimento-angolazione-montaggio (strumenti fondamentali per la traduzione), per riuscire a trasmettere quello che Celia Rowlson-Hall si era prefissata, “ascoltare e riportare quello che tutte le donne morte nel mondo avevano da dire, decidendo di narrare le loro storie mai raccontate”.

Rachele Pollastrini
Rachele Pollastrini
Rachele Pollastrini è curatrice della sezione corti per il Lucca Film Festival. Scrive di Cinema e Musica

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015