giovedì, Ottobre 1, 2020

Mange Tes Morts di Jean-Charles Hue – Torino Film Festival 32, Concorso: la recensione

Movimenti nervosi della macchina da presa, montaggio serrato e dialoghi confusi, asfissianti, parole urlate, sputate dalle voci furiose dei protagonisti di questo noir atipico.

È una frenetica e spietata avventura condensata in una notte, quasi un on the road sull’asfalto bagnato dalle luci artificiali della città. Le inquadrature sono sporche, traballano, si muovono frenetiche da un volto feroce all’altro, seguendo una recitazione a tratti palesemente improvvisata. Attori lanciati in un’intensa avventura col solo supporto di un canovaccio, che spesso trasgrediscono, abbandonati alle proprie stonature, alle proprie imperfezioni, che però, nonostante rendano il lavoro estremamente realistico, catapultano lo spettatore in una spirale confusionaria e vertiginosa, spesso disturbante.

Tutto traspira disumanità. È una virtù criminale quella che muove i personaggi di questa storia, in cui l’eroe più degno è colui che arriva alla trasgressione, all’atto di violenza più bieco, senza paure e senza rimorsi.

Una struttura e una gestione degli attori da parte del regista Jean-Charles Hue che non può non ricordare L’Odio del connazionale Mathieu Kassovitz. Il modello di riferimento resta però ineguagliabile. Mange Tes Morts è infatti uno spaccato sociale che manca del rigore formale e della strategica adozione di una regia invisibile che lasci comunque affiorare un’acuta ricercatezza estetica.

Lo sguardo sociologico alla base del capolavoro di Kassovitz qui cambia oggetto di osservazione, concentrandosi su una famiglia di rom della degradata periferia. Un sobborgo che qui si trasforma in una landa desertica, specchio di un’umanità inaridita dall’odio e dalla violenza ormai inevitabilmente radicata nell’animo dei protagonisti.

 

Andrea Schiavone
Andrea Schiavone
Andrea Schiavone, appassionato di cinema ha deciso di intraprendere studi universitari in ambito cinematografico. Laureatosi in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza di Roma ed attualmente studente magistrale in Cinema, Televisione e New Media alla IULM di Milano.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015