giovedì, Ottobre 22, 2020

Michael Ballhaus, Orso d’oro alla carriera a Berlino 66

La 66/ma Berlinale assegnerà l’Orso d’oro alla carriera al direttore della fotografia Michael Ballhaus a cui sarà dedicata una retrospettiva.
Ballhaus è uno dei più importanti direttori della fotografia del mondo e dalla collaborazione con Rainer Werner Fassbinder fino ai 25 anni di lavoro negli Stati Uniti, ha definito uno stile peculiare a fianco di registi come Scorsese, Coppola, Mike Nichols e molti altri.

I suoi esordi sono come fotografo e cameraman per la televisione tedesca, seguiti dai primi lavori con Fassbinder fino a quello fatto sul set di Martha, del tutto seminale per le scelte tecniche e i movimenti di macchina, che diventeranno un vero e proprio marchio di fabbrica.

I film della retrospettiva proposti dalla Berlinale sono dieci:

Martha (Germania Ovest – 1974, R. W. Fassbinder), TV film

The Color of Money (USA 1986, Martin Scorsese)

Working Girl (USA 1988, Mike Nichols)

The Fabulous Baker Boys (USA 1989, Steve Kloves)

Goodfellas (USA 1990, Martin Scorsese)

Bram Stoker’s Dracula (USA 1992, Francis Ford Coppola)

The Age of Innocence (USA 1993, Martin Scorsese)

Quiz Show (USA 1994, Robert Redford)

Gangs of New York (USA / Italy 2002, Martin Scorsese)

3096 Tage (3096 Days, Germany 2013, Sherry Hormann)

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

Lucca Film Festival 2020, Concorso cortometraggi: seconda giornata

Lontanissimo dal brutto instant cinema che circola in ogni dove, la seconda giornata di corti del Lucca Film Festival curati da Rachele Pollastrini è una riuscitissima combinazione di elementi e suggestioni che ruotano intorno all'idea di famiglia, osservata da polarità spesso opposte e contrastanti, ma intesa come luogo comune da cui partire per indagare la costruzione o la disgregazione del senso di appartenenza e di identità. 

Lucca Film Festival 2020, Concorso cortometraggi: prima giornata

Il corpo e lo spazio circostante, la definizione identitaria e la città che la ingloba per disintegrarla oppure reinventarla, i codici di una natura ancestrale ormai patrimonio lessicale e rituale di pochi, sono alcune delle vibrazioni che hanno attraversato la prima giornata della rassegna cortometraggi del Lucca Film Festival, proiettata al Cinema Astra il 29 settembre 2020 e curata da Rachele Pollastrini

ECONTENT AWARD 2015