mercoledì, Dicembre 2, 2020

Tutto puó cambiare di John Carney: la recensione

John Carney non si allontana dalla geografia urbana e dopo la Dublino di ‘Once’ attraversa New York in questo suo nuovo ‘Begin Again’ cercando di recuperare quel senso di leggerezza e fragilitá che intrecciava scrittura cinematografica, songwriting ed esperienza grazie al diretto coinvolgimento di Glen Hansard e Markéta Irglová, la cui storia personale influenzava l’andamento di un film nomade e aperto alla libertá performativa della musica.

Alla base c’è quindi la stessa idea di cinema ma con una maggiore soliditá narrativa almeno nel tentativo di creare una commistione tra i caratteri di certa commedia americana, aspetto legato non solo all’ambientazione ma anche al coinvolgimento di Judd Apatow come produttore, e il ruolo strutturale delle canzoni nel loro sviluppo, un songtelling per immagini che non è così distante dall’ultimo film di Ami Canaan Mann.

Ia piccola elegia Newyorchese diretta da Carney vede al centro due anime solitarie, due ‘stelle perdute’, per citare il titolo del brano che, come in un musical post-moderno, rappresenta il climax emotivo di tutto il film; Keira Knightley è Gretta, cantante reticente appena uscita da una dolorosa storia d’amore con una popstar interpretata da Adam Levine dei Maroon5, ed è proprio attraverso le canzoni che il loro menage si sviluppa, ricordato dalla ragazza attraverso alcuni filmati salvati sullo smartphone e sul laptop, identifica la musica come punto di condivisione e di rottura, in un percorso che sostituisce il racconto tradizionale con le aperture comunicative dell’esecuzione.

E il film di Carney sta proprio nel mezzo, un po’come in Fame di Alan Parker, con lo spazio intimo e collettivo che diventa un palcoscenico senza soluzione di continuitá. L’incontro casuale con Dan (Mark Ruffalo), produttore in disgrazia, consentirá a Gretta di continuare con la sua personale visione della musica, una relazione radicale e sentita con la creativitá, fuori dalle logiche produttive e assecondata dal talento visionario dello stesso Dan che allestirá le registrazioni del suo primo vero album nell’open air Newyorchese, sfruttando i riverberi naturali, le risonanze e i rumori della cittá, dai vicoli al tetto di un palazzo.

Se per Gretta la genesi del suo album è un’occasione per prendere il controllo della sua storia personale, per Dan il significato non è del tutto diverso, tanto da riuscire a tirar dentro la nuova avventura produttiva, a titolo diverso, la figlia di 14 anni e l’ex moglie, fino ad ora disilluse sulle sue capacitá di gestire la propria vita.

Can a Song Save Your Life? è allora la domanda che si poneva Carney, quando il film aveva questo stesso interrogativo come titolo provvisorio; un dubbio che rimane in costante equilibrio emergenziale, lo stesso che regola spesso i rapporti affettivi e che Gretta fará suo parlando in modo franco all’ex compagno, dopo aver ascoltato una canzone composta insieme, trasformata in una discutibile hit commerciale: ‘non devi perdere la canzone. È un equilibrio delicato’.

C’è una tenera ingenuitá di fondo nel film di Carney, la stessa che in un certo senso rende i brani del film composti da Gregg Alexander, figli di quella reverie nostalgica al sicuro dalla temibile deriva hipster; pop fuori tempo massimo, un pó come per Aimee Mann, quello dell’ex New Radicals è onestamente radicato ai sentimenti piú semplici e quotidiani, gli stessi che spingono Gretta a conservare una certa tracklist nel suo smartphone, musica popolare, legata ad un’idea dei sentimenti e della cittá, musica senza hype di cui si vergogna, ma che ha prima di tutto un significato intimo e legato al valore della memoria. Begin Again è in fondo un film che vive sugli stessi principi, lo dimostra quel primo piano sulla Knightley mentre improvvisamente decide di cambiare direzione, e che invece di concludere un percorso lo apre alla possibilitá di liberare il senso delle cose in un desiderio che promana direttamente dalle canzoni della (sua) vita.

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015