martedì, Settembre 29, 2020

What we do in the shadows di Jamaine Clement e Taika Waititi – Torino Film Festival 32, Concorso

Divertentissima commedia iconoclasta quella della coppia Clement-Waititi. Il duo neozelandese si diverte a stravolgere la figura del vampiro, simbolo per eccellenza del cinema e della letteratura dell’orrore, spogliandola della sua patina orrorifica e immettendola in un contesto insolitamente quotidiano, umano.
Sono situazioni esilaranti che giocano non a caso proprio con quell’archetipo vampiresco oggi ormai banalizzato dalle continue contaminazioni di genere. Dalla saga di Twilight in poi questo mostro terribile sembra assumere sempre più i tratti di uno smidollato.

La forzata integrazione del mondo sovrannaturale con quello ordinario nei dilaganti Paranormal Romance ha segnato definitivamente il tracollo del demone dai canini aguzzi. Ed ecco che What we do in the shadows estremizza questo detour perverso, questa “deviazione per il paradiso”, attenendosi però, allo stesso tempo, a ripercorrere l’evoluzione dell’immaginario vampiresco, riunendo in un appartamento tutte le tipologie di vampiri perpetuati nella storia: un vampiro mostruoso che sembra uscito direttamente dal Nosferatu di Murnau, un affascinante succhiasangue che sembra la copia sputata di Vlad III di Valdacchia conte di Transilvania, un nazi-vampiro appartenente più ad un immaginario cinematografico Z-movie e un eccentrico ed elegante gentiluomo vampiro che ci sembra la parodia dei protagonisti dei romanzi di Anne Rice.

Dissacrante e grottesco questo ribaltamento, che stimola una sarcastica riflessione sulla “demonizzazione” nella società attuale. Il loro fascino decade tra le strade della metropoli, scambiati per finocchi e moralmente soggiogati ai rimproveri di due poliziotti per gli eccessivi schiamazzi notturni. L’ostinata ricerca per l’indispensabile “invito ad entrare” da parte della vittima, per poterla prosciugare (caratteristica da cui si genera tutto il fascino di questa figura), si riduce ora ad un tentativo patetico di entrare in un locale notturno alla moda.

Ma l’aspetto che conferisce un’ilarità maggiore al film è il ricorso alla tecnica di ripresa da reality-tv. Una testimonianza diretta della sopravvivenza dei vampiri al giorno d’oggi che ricorre all’illusione realistica del mockumentary, con un montaggio e uno sviluppo degli intrecci tra i personaggi che rimanda alla fortunata serie televisiva Modern Family.

Un film divertentissimo che non perde però occasione per aprire critiche sulla degenerazione del cinema e della letteratura di genere, oggi troppo schiava di un trend popolare spesso banalizzante e devastante, oltre alle immancabili riflessioni sulle dinamiche umane della società contemporanea, presentateci dall’occhio straniante dei mostri privati delle loro tetre peculiarità, ridotte a lavare i piatti e a pulire i pavimenti.

Andrea Schiavone
Andrea Schiavone
Andrea Schiavone, appassionato di cinema ha deciso di intraprendere studi universitari in ambito cinematografico. Laureatosi in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza di Roma ed attualmente studente magistrale in Cinema, Televisione e New Media alla IULM di Milano.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015