giovedì, Ottobre 1, 2020

Wir Waren Könige (The King Surrender) di Phillipp Leinemann – Torino Film Festival 32, Concorso: la recensione

Wir Waren Könige è un film in cui si incrociano due storie, quelle di un team delle forze speciali di polizia e di una gang giovanile. Fortuite coincidenze e l’incursione di un timido ragazzino li avvicineranno, fino a far affiorare delle verità nascoste, dei legami di amicizia e lealtà, di onore e disonore.

È un progressivo stravolgimento, un ribaltamento dei ruoli e dei concetti di bene e male che di dipana lungo tutta questa intricata storia. Un film che rimanda a certo cinema scorsesiano, con toni noir ruvidi e feroci.

La giustizia è incarnata dall’affiatata squadra di polizia, composta da individui che condividono tutto come una famiglia e che nella complessa fase di elaborazione del lutto per la perdita di due colleghi finiscono col farsi trascinare in un vertiginoso dilagare di violenza, sospesa tra la vendetta e il dovere, tra le regole e le passioni. Di contro, il pullulare infinito di gang giovanili, animate da un senso di giustizia differente e dall’odio imperante. Perché ciò che sembra imporsi come vero propulsore alle azioni brutali, sia da parte della gang che da parte della polizia, è proprio l’odio. Un sentimento che necessita di uno sfogo, un capro espiatorio in cui canalizzare le proprie frustrazioni, in cui far irrompere i più biechi istinti e in cui scaricare paure e senso di impotenza.

L’insicuro ragazzino, nel tentativo di emulazione del capobanda, finirà col diventare lo spietato regista di questi crimini, muovendo le due fazioni come fossero pedine, fin quando tutto si ritorcerà contro un innocente risucchiato in un baratro di proporzioni kafkiane. E seppure regola e sregolatezza trovano il loro punto di unione, spogliate dalle loro divise e dalle maschere sociali, torneranno ben presto a scontrarsi, fino al definitivo emergere di segreti che rimetteranno in gioco le carte,  con una riformulazione dei concetti di giustizia e ingiustizia.

Ma il bambino è in realtà vittima egli stesso dell’odio, fomentato dai soprusi e dal suo senso di insicurezza. Un personaggio che ci appare spietato e asociale, pronto anche ad uccidere, ma che in definitiva racchiude nella sua ambiguità emotiva il significato più intenso di Wir Waren Könige. Film che, seppure troppo ricco di personaggi che restano spesso indefiniti e dalla caratterizzazione a tratti sfuggente, ci sembra un ottimo esempio da seguire sulla nuova via del noir metropolitano.

Andrea Schiavone
Andrea Schiavone
Andrea Schiavone, appassionato di cinema ha deciso di intraprendere studi universitari in ambito cinematografico. Laureatosi in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza di Roma ed attualmente studente magistrale in Cinema, Televisione e New Media alla IULM di Milano.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015