giovedì, Febbraio 9, 2023

Jean Rollin, morte vivante

Lo scorso 17 dicembre Jean Rollin è morto a 72 anni dopo una lunga lotta con una malattia degenerativa. Regista attivo sin dalla fine degli anni ’50 firma nel 1968 Le viol du vampire, primo di una lunga serie di pellicole dove la figura del vampiro diventa un luogo di transito tra sogno e morte. Più attento alla superficie e molto meno coraggioso di Jess Franco, con il grande regista spagnolo, Rollin condivideva la capacità di scavalcare i margini della produzione cinematografica, anche quella istituzionalmente di serie B, abbandonandosi alla vertigine degli pseudonimi, a produzioni ancora minori, a esplorazioni decise nel mondo del porno. L’erotismo di Rollin ha quasi sempre una consistenza pittorica che assume maggiore importanza rispetto alla coerenza narrativa delle sue produzioni; i suoi film sono strani sogni di superficie, visioni dipinte su tela, orgie necrofile che ci illudono di combattere la morte con la contemplazione del desiderio.

Le morte vivante (fr. 1982)

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=sPQ1XzNf0xo[/youtube]

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

Cinema Ucrainospot_img

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Indie-eye Su Youtubespot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img