venerdì, Dicembre 4, 2020

L’homme qui rit di Jean-Pierre Améris a Venezia 69 Fuori Concorso

Alla 69 Mostra del cinema di Venezia ci sarà anche Jean-Pierre Améris. Il regista francese, noto al pubblico nostrano per le timide liasons tra Benoît Poelvoorde e Isabelle Carré in Emotivi Anonimi (2010), torna sulla scena con un adattamento da L’homme qui rit di Victor Hugo.

Ambientato nell’Inghilterra del XVIII secolo, il romanzo narra la storia di due orfanelli accolti da un artista di strada di nome Ursus per proteggerli dai rigori dell’inverno. Assieme allestiscono uno spettacolo itinerante che ben presto decreta il successo del giovane Gwynplaine, soprannominato “l’uomo che ride” a causa del volto sfregiato da una cicatrice. Ursus e la piccola Dea devono perciò fronteggiare la crescente vanità del ragazzo.

A interpretare il vecchio Ursus sarà Gérard Depardieu, impegnato quest’anno in almeno altri tre film: Le Grand Soir (Gustave de Kervern), Vita di Pi (Ang Lee) e Asterix e Obelix al servizio di Sua Maestà 3D (Laurent Tirard). Lo accompagnano Marc André-Gondrin, già al suo fianco in Bouquet Final (Michel Delgado, 2008) e noto a livello internazionale per la parte di Régis Debray nel Che- Guerriglia di Soderbergh (2008), e Christa Theret, interprete accanto a Sophie Marceau del trascurabile Lol. Il tempo dell’amore (Lisa Azuelos, 2009). Nel cast figurano inoltre la bella Emmanuelle Seigner e lo Swann Arlaud di Emotivi Anonimi.

Dal suo ultimo film Améris attinge anche per i credits: il direttore della fotografia è Gérard Simon mentre il montaggio è nuovamente a cura di Philippe Bourgueil.

Lo stesso Améris e Guillame Laurant, assiduo collaboratore di Jeann-Pierre Jeunet, si sono occupati dell’adattamento del romanzo, portato al cinema nientemeno che da Paul Leni nel 1928 e da Sergio Corbucci nel 1966. La sfida, dunque, è tutt’altro che banale: nel ’66 la sceneggiatura era firmata Corbucci e Luca Ronconi. L’homme qui rit sarà presentato a Venezia 69 fuori concorso.

Lisa Cecconi
Lisa Cecconi è nata a Firenze nel 1984. Si è laureata all’Università di Bologna in Cinema, televisione e produzione multimediale con una tesi sulla strumentalizzazione dell’immaginario apocalittico nel cinema hollywoodiano. Ha seguito numerosi festival collaborando talvolta all’organizzazione, alla stesura dei cataloghi critici e alla presentazione dei film in rassegna. Attualmente coltiva la sua passione per il cinema scrivendo recensioni on-line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015