venerdì, Dicembre 4, 2020

The millennial rapture di Koji Wakamatsu a Venezia 69

Tra le proposte più innovative della sezione Orizzonti di Venezia 69 c’è senz’altro l’ultimo film di Koji Wakamatsu. Sia chiaro, il regista non è certo un novellino- ad oggi ha girato più di cento film- ma il suo rapporto con la critica è da sempre piuttosto controverso.

Dopo l’esordio nel 1963 con Dolce Trappola, Wakamatsu ha dedicato la sua produzione soprattutto al Pinku eiga, genere soft-core solo recentemente rivalutato. La rottura con la censura governativa è avvenuta peraltro nel 1965, quando il regista è stato selezionato alla Berlinale con I segreti dietro al muro, film considerato dal governo giapponese tutt’altro che idoneo a rappresentare il Paese in Occidente. La verità è che il cinema di Wakamatsu si è sempre distinto all’interno del genere per lo sguardo cupo e analitico sulla società e sull’animo umano. La cruda violenza che accomuna molti dei suoi film, il simbolismo che gravita attorno al corpo, l’esposizione impietosa della carne e della sua mutilazione o violazione, distinguono una poetica coerente e disturbante, abile nello sviscerare le angosciose bassezze di un’umanità corrotta. Venezia lo ospita dopo che i suoi ultimi due film, United Red Army (2008) e Caterpillar (2010) sono stati apprezzati alla Berlinale delle scorse edizioni.

The millennial rapture, questo il titolo dell’opera, è un adattamento dal romanzo di Kenji Nakagami, Mille anni di piacere, incentrato sulle storie intrecciate di giovani e dissoluti  burakumin, una delle principali minoranze del Giappone, discendenti dei fuoricasta e tutt’ora discriminati. Ad interpretarlo sarà un cast di eccezione. Accanto alla pluripremiata Shinobu Terajima e a Sosuke Takaoka, già visto in 13 assassini di Takashi Miike (2010), figurano due volti altrettanto noti del cinema giapponese: Kengo Kora, amato dal pubblico per l’intensità che è in grado di conferire anche ai personaggi secondari, e Shota Sometani, insignito del Premio Marcello Mastroianni al Festival di Venezia dello scorso anno, come miglior giovane attore per il film Himizu (Sion Sono, 2011).
In un’intevista del 2006 Wakamatsu sosteneva: “Non mi curo molto dei critici, quindi, naturalmente, loro non si curano molto di me.” Chissà se la pensa ancora nello stesso modo.

Lisa Cecconi
Lisa Cecconi è nata a Firenze nel 1984. Si è laureata all’Università di Bologna in Cinema, televisione e produzione multimediale con una tesi sulla strumentalizzazione dell’immaginario apocalittico nel cinema hollywoodiano. Ha seguito numerosi festival collaborando talvolta all’organizzazione, alla stesura dei cataloghi critici e alla presentazione dei film in rassegna. Attualmente coltiva la sua passione per il cinema scrivendo recensioni on-line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015