martedì, Agosto 11, 2020

Il Ragno Rosso di Marcin Koszalka: la recensione in anteprima

Se guardi troppo a lungo dentro l’abisso, anche l’abisso guarderà te“.

Nietzsche, Al di là del Bene e del Male.

Atroce, crudele, perverso; brutale, malvagio, efferato: sono molti gli aggettivi che potrebbero addirsi al tema del film Ragno Rosso, esordio narrativo del documentarista polacco Marcin Koszalka, ma non, tra questi, disumano. Quello che scorre sullo schermo è perfettamente umano, piaccia o no, sembra affermare il regista.

Pulsioni che diventano nervature, strade, destini, riportano il Male ad una dimensione osservabile quanto ogni altro gesto il corpo possa consentirci, sebbene impossibile da spiegare. Anche Koszalka, come Nietzsche, cerca di posizionare il suo sguardo al di là del Bene e del Male, partendo dalla reale vicenda degli assassini seriali che sconvolsero la Polonia degli anni Sessanta per costruire un noir capitale.

Le azioni degli esseri umani coinvolti vengono seguite senza chiosa alcuna e proprio questa deliberata assenza apre uno spazio percettivo inimmaginato che rende impossibile, ad ogni fotogramma, stabilire che cosa accadrà nel successivo. Che cosa avviene nella mente di chi sia venuto a contatto con un evento estremo come un omicidio? Sapremmo schermarci dalla persuasione del Male o come di una medusa appena sfiorata ne porteremmo indelebilmente il segno?

Dimenticate le risposte che affiorano dal senso comune e abbandonatevi al viaggio che Koszalka propone: in Ragno Rosso il cinema diventa possibilità di esplorare ogni possibile interazione umana, sia la più bieca, illogica, che mai penseremmo di percorrere nella vita. Forte dell’esperienza di documentarista, il regista persegue (e consegue) con tale lucidità il distacco necessario a garantire un congruo spazio di osservazione da riuscire a rendere plausibili, in ogni istante, sviluppi contraddittori tra loro: il protagonista si sta innamorando o sta per commettere un omicidio?

Ha appena vent’anni, Karol, e come tutti i giovani nella Polonia dell’anno 1967 ha una vita ordinata, ma non strutturata e la sua attrazione per l’assassino rivela il bisogno di sondare il proprio lato oscuro, passando attraverso quella carnalità tanto difficile da sondare dietro la Cortina di Ferro.

Basti pensare che al concerto che i Rolling Stones tengono a Varsavia in quello stesso anno, la polizia reprime ogni tentativo del pubblico di alzarsi, ballare, partecipare col corpo la vitalità della musica. È una scenografia livida quanto efficace a guidarci attraverso una Cracovia spettrale ed interni soffocanti come i gangli neuronali di una mente folle, tema centrale della ricerca di Koszalka, già esplorata nei precedenti lavori Friendly Death e The Lust Killer.

Beatrice Rinaldi
Beatrice Rinaldi
Al Rischiatutto porterebbe Alfred Hitchcock, a cena Daniel Auteil.

Articoli Simili

Articoli Recenti

Twin Peaks le tre stagioni complete in 16 Blu Ray: il video unboxing del cofanetto Universal

Twin Peaks, la serie televisiva completa. 3 stagioni per 16 Blu Ray. Il cofanetto Universal visto per voi con un unboxing video

Hedy Lamarr – La donna più straordinaria del mondo di William Roy e Sylvain Dorange: la recensione del volume BD

Hedy Lamarr, una donna in fuga dalla rappresentazione imposta del desiderio. Per i francesi William Roy e Sylvain Dorange, l'attrice di origini austriache che trovò il successo ad Hollywood combatte con-tro la propria immagine alla ricerca di un'identità forte e negata. La recensione del bel volume a fumetti pubblicato da Edizioni BD

Control di Anton Corbijn: recensione

Grazie a Movies inspired Control, il film di Anton Corbijn dedicato a Ian Curtis, torna nelle sale e nelle arene estive. La recensione

Twin Peaks, la collezione televisiva completa in 16 Blu Ray: tutti i contenuti extra delle tre stagioni spiegati in dettaglio

Twin Peaks, le due serie originali 1990-1991 e la serie evento 2017 per la prima volta in un unico cofanetto. 20 DVD e 16 Blu Ray grazie a Universal Pictures Home Entertainment Italia. Lo abbiamo analizzato navigando tra tutti, ma proprio tutti, i contenuti speciali.

La moglie della spia (Spy no Tsuma) di Kiyoshi Kurosawa

Il grande Kiyoshi Kurosawa in concorso a Venezia 77

Molecole Di Andrea Segre

Molecole di Andrea Segre a Venezia 77 come film di pre-apertura

Nomadland di Chloé Zhao

Nomadland, il film prodotto da Frances McDormand e diretto da Chloé Zhao in contemporanea a Toronto, Telluride e Venezia