martedì, Dicembre 1, 2020

Cannes 2013, Behind the Candelabra di Steven Soderbergh. L’incontro con la stampa

Settimo giorno ricco di nomi al Festival di Cannes. Arriva in concorso, Behind the Candelabra di Steven Soderberg, biopic sul famoso pianista Valentino Liberace. La pellicola si concentra in particolar modo sulla relazione, durata circa sei anni, tra lo showman e Scott Thorson.
Hanno preso parte all’incontro con la stampa Steven Soderbergh, gli interpreti Micheal Douglas, Matt Damon,  Richard LaGravenese e il produttore Jerry Weintraub.

Il produttore Jerry Weintraub su Liberace: “Era uno dei più grandi pianisti che abbiamo avuto in America, un grande presentatore, aveva una vita fantastica. Era seguito da molte persone, infatti tre settimane prima di morire, fece una serie di concerti sold out al Radio City Music Hall”.

Michael Douglas ha avuto la fortuna di incontrare Liberace: “L’ho incontrato quando avevo 12 anni. La mia famiglia aveva una casa a Palms Springs; un giorno ho visto una Rolls Royce fermarsi ad un incrocio, alla guida c’era un uomo con un gran sorriso. Era Liberace. Sicuramente” – ha aggiunto Douglas – “è il padre di artisti come Elton John e Lady Gaga”.

Richard LaGravenese ha dichiarato di ricordare l’apparizione di Liberace all’Ed Sullivan Show; lo stesso vale per Matt Damon, che ricorda lo showman in base a quello che ha visto di lui in tv: “Ho visto molti speciali in tv. I miei familiari lo adoravano, soprattutto mia nonna, che era una grande pianista, amava vederlo suonare”.

Anche Steven Soderbergh ha affermato di ricordare l’artista: “Più che ricordarmi direttamente la consuetudine a vedere Liberace in tv come una mia consuetudine, ricordo i miei genitori che assistevano al suo programma. Era una persona entusiasta, ero affascinato dai costumi che indossava. Fino a che non ne ho parlato a Michael sul set di Traffic” – ha aggiunto il regista- “non avevo più pensato di fare un film su di lui”.

“Io ho pensato che scherzasse quando me l’ha chiesto” – ha raccontato Douglas – “sono andato in paranoia, ma sette anni più tardi Steven ha trovato l’ispirazione dal libro Behind the Candelabra e abbiamo iniziato a girarlo subito dopo la mia malattia, è stato un dono. Sarò eternamente grato a Steven, Matt e Jerry”.

Matt Damon sul suo lavoro con Steven Soderbergh: “Non ero sicuro del mio ruolo neanche il giorno prima di iniziare, ma mi fido completamente di Steven. Ѐ riuscito a fare qualcosa di straordinario. Noi attori avevamo accesso ad un sito internet, giravamo e finivamo piuttosto presto, poi controllavo il sito e quello che avevamo girato quel giorno era già montato. Questo processo è stato essenziale per capire il tipo di film che stavamo facendo”.

Micheal Douglas sulla difficoltà di trovare finanziamenti: “È un momento difficile per i piccoli film, gli studios non vogliono scommetterci. Non penso che per quanto riguarda questa pellicola, il problema sia la tematica omosessuale, semplicemente agli studios non interessano le piccole produzioni. Invece la tv sta diventando un mezzo per far vedere questi film”. (N.D.R. il film è una produzione HBO)

Non ha tardato ad arrivare la domanda sull’annunciato ritiro di Soderbergh dal cinema: 24 anni fa ero qui con Sex Lies and Videotapes, devo prendermi una pausa, ma non so per quanto tempo. Però posso dire che se questo sarà il mio ultimo film, sono molto fiero. In un certo senso è collegato al mio primo film e stilisticamente è un una progressione”

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015