venerdì, Ottobre 22, 2021

Il Resto della notte, incontro con Francesco Munzi e Sandra Ceccarelli

Un trafiletto di cronaca cittadina, una rapina in villa ad opera di immigrati rumeni, episodi che quotidianamente si sentono raccontare ma dei quali raramente si riescono a conoscere i risvolti umani; dal desiderio di indagare questi fenomeni parte l’idea de Il resto della notte di Francesco Munzi presentato alla rassegna “Provate voi ad emigrar” in corso in varie città toscane, fino al 31 marzo. Italiani e rumeni, vittime e carnefici, universi distanti che parlano lingue non troppo diverse e che vivono, soffrono e amano nello stesso modo sono i protagonisti di questa storia: una famiglia dell’alta borghesia torinese, la moglie bella ma infelice, il marito che la tradisce con una ragazza più giovane, la figlia adolescente in conflitto con i genitori e alle prese col primo amore, la giovane cameriera rumena che lavora per loro, il suo compagno coinvolto in furti e rapine che cerca di tenere il fratello minore al di fuori di questo mondo, un tossicodipendente italiano complice dei crimini degli extracomunitari che vede con rabbia il rapporto tra il figlio e il convivente marocchino dell’ex moglie. Le vite dei protagonisti del film di Munzi si assomigliano e non si assolve né si condanna nessuno, perché ognuno ha le sue ragioni; i rapporti (uomo-donna, genitore-figlio) sono fragili per ognuno di loro, come la speranza, l’amore e la paura.
Il film, spiega Munzi presente alla proiezione assieme alla protagonista Sandra Ceccarelli, deriva dalla volontà di leggere il fenomeno dell’immigrazione in maniera antitetica rispetto alla sua opera prima, Saimir (in programma il 30 marzo al cinema Kino Dessè di Livorno sempre nel corso della rassegna) nel quale raccontava la storia di una redenzione. Ne Il resto della notte, redenzione e presa di coscienza sono lontane ed è proprio questo a spiazzare e provocare lo spettatore, mantenendosi distanti dalla retorica e dal buonismo troppo spesso presente nel cinema europeo che si è recentemente accostato al tema dell’immigrazione.
La lettura di A sangue freddo di Truman Capote è stata di ispirazione, racconta il regista, nel descrivere la vita delle vittime parallela a quella dei carnefici, mentre per Sandra Ceccarelli la visione e lo studio di Safe, il film diretto nel 1995 da Todd Haynes e interpretato da Julianne Moore, ha permesso una caratterizzazione più definita del ruolo della donna borghese che, interamente presa dal suo mondo interiore, vive con distacco ciò che la circonda.
Un’opera sincera Il resto della notte, che descrive i rapporti difficili e a volte impossibili fra due mondi che si incontrano veramente solo nel drammatico epilogo finale.
Da registrare una nota dolente tra le risposte alle domande poste dal curatore della rassegna, Gabriele Rizza, ai due protagonisti presenti in sala: mentre Francesco Munzi parla di una fase di scrittura del suo prossimo film, alla domanda sui suoi progetti futuri, Sandra Ceccarelli, raffinata interprete di pellicole di molti dei più noti e apprezzati registi italiani (Giuseppe Piccioni, Cristina Comencini, Ermanno Olmi), dichiara di vivere un momento di attesa professionale nel quale non ha progetti a breve termine. Un peccato che nel cinema italiano attuale manchi un ruolo per un’attrice di così grande bravura e umanità.

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertismentspot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img