domenica, Settembre 19, 2021

Oscar 2011, tutti i premi

Tutto come da copione, è proprio il caso di dirlo, alla Notte degli Oscar di domenica 27 febbraio, svoltasi al Kodak Theatre di Los Angeles.

Il discorso del re ha visto la consacrazione di Colin Firth come miglior attore, ma anche di Tom Hooper come miglior regista e di David Saidler come miglior sceneggiatore e soprattutto si è aggiudicato la statuetta come miglior film. Il cigno nero in dolce attesa Natalie Portman con la sua incredibile interpretazione della ballerina Nina che sprofonda nel  baratro della follia in Black Swan ha, come da molti previsto, conquistato il premio come miglior attrice protagonista, mentre Melissa Leo e Christian Bale i non protagonisti di The Fighter hanno trionfato sui colleghi. Iniziamo il nostro resoconto con alcuni flash dal Red Carpet, per molti il vero show in tempi di crisi quando può essere utile promuovere stilisti e case cosmetiche, ma anche film in uscita non candidati. Ad inizio serata le più attese sul Red Carpet sono state Natalie Portman con il pancione (l’attrice è in attesa del primo figlio dal suo compagno il coreografo Benjamin Mellepied incontrato proprio sul set di Darren Aronofsky) e Helena Bohoman Carter sempre estrosa nel look. Antonella Cannarozzi unica canditata italiana per i costumi di Io sono l’amore di Luca Guadagnino ha commentato: «Tilda (Swinton) ha un aura talmente meravigliosa che non è difficile vestirla». I presentatori Anne Hatway e James Franco sono bellissimi e sorridenti, i più giovani attori che abbiano mai presentato un Oscar :«Ho chiesto consigli a Shirley McLine che mi ha suggerito di cambiare abito il più spesso possibile e di rilassarmi» ha dichiarato Anne. Michelle Williams in uno splendido Chanel bianco e con un taglio di capelli che ricorda Jean Seberg dice a proposito del suo ruolo in Blue Valentine per il quale ha ricevuto la candidatura come miglior attrice protagonista: «Interpreto una madre e faccio le cose che faccio ogni giorno con mia figlia Mathilda». Gwynnet Paltrow in Calvin Klein come la sera in cui vinse il suo Oscar per Shakespeare in Love e nuovo astro nascente della musica country annuncia che canterà uno dei temi candidati a miglior canzone originale. Ricorda i tempi duri quando il successo e il riconoscimento non c’era ancora il favoritissimo e inquietantemente barbuto Christian Bale. Splendide neomamme Penelope Cruz e Celine Dion e altrettanto belle le single di ritorno Scarlett Johanson e Sandra Bullock. Una mise decisamente cougar per l’inossidabile Sharon Stone. La serata presentata da Anne Hatway, elegante, ottima cantante e brillante intrattenitrice e dal un po’ tenebroso e distaccato James Franco, candidato come miglior attore per 127 ore, si è svolta in modo impeccabile e molto, forse troppo, classico con la sfilata di stars sul palco che hanno celebrato i fasti della Hollywood degli anni d’oro ricordando molti dei film premiati nel corso del tempo dalle statuette dorate. Sorprendente l’intervento di Kirk Duglas, splendido ultra 90enne in vena di scherzare ha consegnato l’Oscar alla miglior attrice non protagonista e standing ovation per Billy Crystal uno degli storici presentatori della serata che ha dedicato un toccante momento al collega Bob Hope.

Ecco tutti i premi e i vincitori con i link alle recensioni di Indie-eye Network

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Alice in the Wonderland

MIGLIORE FOTOGRAFIA

Inception

MIGLIORI MUSICHE ORIGINALI

Trent Reznor e Atticus Ross per The Social Network

MIGLIOR MIXAGGIO SONORO

Inception

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

Inception

MIGLIOR TRUCCO

The Wolfman

MIGLIORI COSTUMI

Alice in Wonderland

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

Inception

MIGLIOR MONTAGGIO

The Social Network

MIGLIOR LUNGOMETRAGGIO ANIMATO

Toy Story 3

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO ANIMATO

The Lost Thing

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

We belong togheter da Toy story 3

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’AZIONE

God of love

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO

Strangers No More

MIGLIOR DOCUMENTARIO

Inside Job

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

David Seidler per Il discorso del re

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Aaron Sorkin per The Social Network

MIGLIOR FILM STRANIERO

Danimarca In a better wo

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Colin Firth per Il discorso del re

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Melissa Leo per The Fighter

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Natalie Portman per Black Swan

MIGIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Christian Bale per The Fighter

MIGLIOR FILM

Il discorso del re

MIGLIORE REGIA

Tom Hooper per Il discorso del re

Come previsto e giusto Incepiton ha fatto incetta di premi tecnici facendo però rimanere delusi per lo scarso riconoscimento alla regia di Christopher Nolan che tra l’altro ha rifiutato di girare il film in 3D perché avrebbe tolto attenzione alla sceneggiatura.

Peccato per: The Illusionist di Sylvian Chomet, il bel cartone animato tratto da un soggetto originale di Jaques Tati, presentato questo autunno a France Odeon a Firenze, scontatamente battuto da Toy Story 3, e delusione tricolore per Antonella Cannarozzi, realizzatrice dei raffinati costumi di Io sono l’amore

Grande soddisfazione per la vittoria di Rick Backer, 61 anni, celebre truccatore di Guerre stellari, Un lupo mannaro americano a Londra, Wolf la belva  fuori e Thriller, già vincitore di 7 Oscar,  che ha trionfato con The Wolfman: un premio che rende vero omaggio alle creazioni artigianali di questi grandi artisti.

Fra tanti il più bel discorso di ringraziamento sicuramente quello di David Seidler vincitore della statuetta come miglior sceneggiatura originale per Il discorso del re che celebra l’impegno e il lavoro dei professionisti più maturi: «Mio padre mi diceva sempre che io avrei avuto una fioritura tardiva; credo di essere la persona più anziana che abbia mai vinto questo premio e spero che questo record venga battuto rapidamente e molto spesso. Accetto il premio a nome di tutti i balbuzienti del mondo, noi abbiamo una voce e ci hanno ascoltati».

Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertismentspot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img