martedì, Settembre 29, 2020

The Wrestler – di Darren Aronofsky: la recensione

Il cinema stolido di Darren Aronofsky vive nell’opacità delle superfici preferendo il meccanismo di piccola logica al rischio della visione; nell’ultimo The Wrestler la sua idea di cinema salta in aria, assorbita dal corpo “maciullato” di un Mickey Rourke immenso nel mettere in scena se stesso attraverso cicatrici, ferite, mutazioni esogene e una performance davvero commovente, quella di Randy “The Ram” Robinson, Wrestler in declino, fantasma di carne degli anni ’80 che gravita tra arene scassate e un night club dove incontra Cassidy, lapdancer con un corpo segnato dalla memoria e dal tempo interpretata da una Marisa Tomei che scommette su se stessa con la stessa dedizione di Rourke.

Mentre in un pub passa una traccia dei Guns N’ Roses, Randy rimpiange tutta quella musica sudicia e muscolare degli anni ’80: “quel frocetto di Cobain ha rovinato tutto”; è un’immagine crepuscolare, la forza di un’anima che si manifesta attraverso il corpo e che non cede all’assenza di serotonina degli anni ’90 rovesciando come un guanto l’escatologia terroristica della passione di Cristo di Mel Gibson, che Cassidy cita quando accarezza le cicatrici di Randy. La passione, per Randy/Rourke è un tormento della carne, un taglio e una ferita continua che pulsa tra dolore e gioco, tra la mutilazione e la gioia della scelta. E’ una vera e propria performance, quella di Mickey Rourke la cui “verità” fa impallidire qualsiasi alfiere del martirio colto à la STELARC e che sfiora un livello altissimo di conoscenza attraverso la forza dei segni e delle ecchimosi.

La lotta tra Aronofsky e Rourke è impari, il primo non riesce ad aggiungere granchè cercando di insistere su un corpo che diventa una macchina del senso potentissima; una sequenza illuminante: Randy è allo specchio ed esamina una spaccatura sul suo torace, cicatrice riflessa direttamente sui nostri volti, l’occhio di Aronofsky non sa che fare, è impacciato e cerca di avvicinarsi con un doppio zoom che non cambia la nostra percezione.

Il corpo di Rourke, come quello di Jagger nell’ultimo film di Scorsese sugli Stones, a un certo punto eccede la regia, se ne fotte dell’autore e libera un’esibizione che ha la pesantezza e allo stesso tempo la libertà di tutta una carriera. L’uscita dal ring nell’inquadratura finale è un’uscita dalla macchina cinema Aronofskyana, unica ellisse possibile di un’esperienza che dal corpo e dalla persistenza sulla carne, oltrepassa lo schermo.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015