mercoledì, Ottobre 28, 2020

Venezia 65 – Vegas: Based on a true story di Amir Naderi – In concorso

Amir Naderi riesce a realizzare Vegas: Based on a true story dopo una serie di tentativi andati male; si stabilisce a Las Vegas per due anni vivendo per mesi in un motel e racimolando il denaro per continuare a girare giocando d’azzardo e facendosi prestare i soldi da altri giocatori conosciuti durante la sua permanenza, cosi da sottoporre il ritmo di realizzazione del film ai capricci della fortuna. Una penetrazione assoluta e radicale nel tessuto della città che gli permette di mettere in piedi faticosamente la sua ultima opera realizzata in digitale con un occhio assolutamente spietato e antimoralistico. Eddie e Tracy Parker vivono insieme al figlio di dodici anni nella polvere di Las Vegas, quella che circonda la striscia principale che si sviluppa dal Flamingo in poi, la loro casa è circondata da un piccolo giardino coltivato con cura da Tracy; questa coesione già minacciata in modo non distruttivo dal vizio del gioco di Eddie viene compromessa dall’incontro con Brian, uomo misterioso che dopo aver cercato di acquistare la loro casa con offerte altissime insinua loro il dubbio che sottoterra si nasconda qualcosa a cui non possono rinunciare. L’ossessione di Eddie per questo simulacro lo porterà a scavare e a distruggere contro la sua stessa famiglia mentre lo spirito di conservazione del figlio  cercherà di portare in salvo parte del giardino. Il cinema ossessivo di Amir Naderi cerca ancora l’immagine del deserto nell’ossatura della citta’ americana, forma genetica che si rivela allo sguardo in un percorso che nel precedente sound barrier si era fatto sonico mentre si era aperto a possibilita’ centrifughe e polifoniche nel disossamento architettonico dei due viaggi dentro il cuore di Manhattan e nella morfologia intrecciata, ricca di intercapedini, passaggi ed enigmi dello spazio nel bellissimo Marathon, ossessione della logica che si trasforma in una visione del transito e della possibilita’. Lo sguardo su Las Vegas diventa improvvisamente centripeto, si chiude all’interno di un set/casa destinato alla distruzione, variante cupa e claustrofobica della ricerca che muta in movimento immobile, che scava, toglie e gratta via squame. Naderi sceglie il punto di vista che inghiotte la strip principale di Las Vegas, tutto il deserto ai margini delle immagini piu’ diffuse della citta’ ma che ne rappresenta al contrario l’asse spinale. Nel cinema di Naderi l’annullamento della visione si manifesta quando questa non riesce a possedere i personaggi e si verifica una sostituzione per il desiderio stesso della visione con l’ossessione per i simulacri, oggetti materiali, e primo fra tutti il denaro come materia invisibile, trucco di una logica perversa. La famiglia di Vegas sperimenta l’accecamento piu’ radicale visto nel cinema del regista Iraniano in una concentrazione del racconto che e’ anche mutazione traumatica dello spazio. La truffa che colpisce Eddie e’ principalmente un inganno dello sguardo, una fata morgana distruttiva che nell’apparente semplicita’ didascalica di un ‘racconto’ che procede da una storia ‘vera’ diventa assorbimento del set nell’orizzonte negativo del deserto. Piu’ dolorosa di qualsiasi visione sulla vita di un giocatore distrutta dalle luci dei casino’, quella di Naderi su Las Vegas diventa personale visione sullo spazio familiare come teatro di guerra. Il giardino può essere conservato solamente a patto di operare lo sforzo di un’intelligenza connettiva che viene meno quando il desiderio e l’ossessione si sostituiscono allo sguardo sulle cose. Vegas è probabilmente il film più doloroso e spietato di Amir Naderi, nella sua apparente chiusura distruttiva gli strati e i livelli come succede sovente nel suo cinema sono molteplici; l’immagine della guerra, quella del confronto doloroso tra occidente e medioriente, il punto di vista infantile che vede al di là del bene del male, il pieno e il vuoto del potere economico e ancora la ricerca del deserto come memoria morfologica del sottosuolo di qualsiasi organismo urbano.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Innsbruck celebra il cinema italiano con la quinta edizione del suo Festival

Il Festival del Cinema italiano a Innsbruck giunge alla quinta edizione. Solo cinema italiano dall'8 al 10 novembre 2020. Tra gli ospiti, Giacomo Campiotti e Hermann Weiskopf

Trieste Science+Fiction Festival, dal vivo e online

Il più importante festival italiano dedicato alla fantascienza, in programma dal 29 ottobre al 3 novembre dal vivo a Trieste, debutta per la prima volta anche online nella sala virtuale di MYmovies. La manifestazione triestina porta anche sul web il meglio della fantascienza 2020 con anteprime e prime visioni in esclusiva: una selezione composta da 19 film, documentari scientifici, una serie televisiva coreana

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

ECONTENT AWARD 2015