sabato, Settembre 26, 2020

Venezia 67 – Concorso – Drei di Tom Tykwer (Germania, 2010)

Un film come Drei avrebbe potuto essere intimamente “Berlinese”, eppure, nel suo progressivo scardinamento delle “identità biologiche determinate”, come le definisce Adam, corpo condiviso da Hanna e Simon, conviventi prossimi alle nozze, costruisce uno sguardo ad orologeria sin troppo legato a quel meccanismo adrenalinico che ha arricchito, e a mio avviso, impoverito tutto il cinema di Tom Tykwer. E’ un film di superfici piatte Drei, sia che queste siano split screen digitali, o visioni di un onirismo asfittico, chiuse nella camera iperbarica di una ripresa in studio.

Disseminato di ovuli, organismi cellulari, mutazioni della forma che dovrebbero alludere alla nascita di nuove possibilità intersessuali a dispetto del fallimento della famiglia nucleare, propaga uno sguardo clinico, ospedaliero, tanto che le uniche sequenze che sembrano prolettiche a questo occhio vitreo sono quelle girate in clinica, dove Simon dovrà farsi asportare un testicolo a causa di un cancro.

Hanna in quel momento non è in casa e si scopa selvaggiamente Adam; con uno slittamento poco convincente e vicino al pahmplettino didascalico per spettatori progressisti Simon si ritroverà in piscina dopo l’operazione e si farà masturbare guarda caso da Adam, il corpo condiviso, il demiurgo di una sessualità anti deterministica; è proprio qui, durante l’eiaculazione, che Simon inonda di sperma il torace di Adam nell’unica ellisse (il cazzo ovviamente non si vede) davvero grafica di tutto il film. Spiace dire che l’immagine possiede la forza dirompente del sapone liquido, una viscosità neutra, pulita, nitida; la stessa che l’occhio di Tykwer persegue senza il minimo rischio di lordarsi.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

ECONTENT AWARD 2015