martedì, Settembre 29, 2020

Venezia 67 – Concorso – Jerzy Skolimowski – Essential Killing (Polonia, 2010)

A mani nude, il cinema di Skolimowski torna davvero all’essenzialità del suo boxare con uno dei suoi film più intensi e belli.

Se il precedente Four nights with anna forse rimaneva chiuso nella relazione di scambio tra realtà e sogno, con quella parete terribile eretta davanti a Leon (Artur Steranko) a seppellire la memoria in una tomba, la caccia sadica di Vincent Gallo si apre alla lotta, al disorientamento che è un continuo perdere e riappropriarsi del ring; segni e simboli del cinema di Skolimowski si fondono nella progressiva percezione fisica della natura, Mohammed viene catturato dall’esercito americano in Afghanistan riesce a fuggire durante un trasferimento per trovarsi nel bianco accecante di una foresta coperta dalla neve.

Ed è incredibile come lo spazio in continua metamorfosi che nel cinema degli anni sessanta / settanta di questo grande regista si muoveva sulla morfologia di linee, volumi urbani, treni e vite che escono dallo schermo riesca ancora, nei siti preformali della natura, a sperimentare come esperienza nel suo farsi, il contagio tra il bianconero e il colore, il movimento come apparenza che sfugge al controllo, la lotta della forma nell’orizzonte negativo del deserto, la parola che si dissolve e diventa crepitio, rantolo, grido essenziale.

L’occhio di Skolimowski è tutt’uno con il corpo di Vincent Gallo, anima primordiale già “scoperta” da Claire Denis nella sua amoralità basica; ne segue i tracciati, duella sul percorso dei suoi movimenti e non li anticipa quasi mai in una lotta impari tra il controllo registico e l’urgenza di sopravvivere del corpo che ad ogni caduta scompagina i piani.

Perché anche nel cinema di un regista così acuminato e geniale come Skolimowski (e forse, proprio nel suo) l’ancora di salvezza della scrittura intesa come lettera, appiglio, sceneggiatura del pensiero in opposizione ai rapidi movimenti dell’occhio, viene spinta ai margini, salta e si perde di vista.

Ripercorrere Essential Killing con gli strumenti della memoria è un’operazione difficile, scriverne sezionando la ricchezza di segni e apparizioni che libera in un’autopsia critica sarebbe come ucciderlo; e non è certo possibile arrestare le schivate di questo combattente ai margini delle regole consentite, mettendolo al tappeto.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015