sabato, Settembre 19, 2020

Venezia 68 – Concorso – The Ides of March di George Clooney (Usa, 2011)

Nella fondamentale tappa delle Primarie Democratiche in Ohio, tutto sembra volgere a favore di un trionfo del senatore Morris, inspiring candidate dal CV immacolato, capace di suscitare entusiasmi nell’elettorato e tra i cinici addetti ai lavori grazie al phisique da attore e alla dialettica affabile e diretta. Lo staff artefice del suo successo ha la sua punta di diamante nel rampante addetto stampa Stephen Myers, che si muove con baldanzosa nonchalance tra navigati consulenti politici, senatori in cerca di nomine, scafate giornaliste del Times e stagiste troppo sveglie, troppo giovani, troppo carine. Nel giro di poche intensissime giornate l’intreccio vorticoso di questi elementi scompiglierà i piani di quella che sembrava una cavalcata trionfale, svelando scheletri in vari armadi e scatenando la scia di tradimenti e pugnalate alle spalle che il titolo del film lascia presagire. Dopo i premi raccolti nel 2005 con Goodbye and Good Luck, Clooney torna in concorso al Lido accompagnato dalla penna del fido Grant Heslov (e da un cast di rara qualità) con un film immerso con decisione nella materia politica e mediatica statunitense. Partendo da presupposti comunque piuttosto ideologici e auto-assolutori (“è ora che cominciamo a usare i trucchetti sporchi dei Repubblicani”) la roccaforte democratica di Hollywood fa dunque i conti con i quesiti sollevati dal disincanto di fine legislazione Obama: crediamo davvero leader politico ideale? Quanto del successo dalle sue qualità di amministratore? Quali sono i compromessi e le leggerezze perdonabili e a chi davvero li dobbiamo perdonare? Lo scintillio di una galleria di personaggi anche fin troppo charmant, duellanti a colpi di eloquenza sogghignante e abili mosse scacchistiche, viene soffocato nel fango del finale dal precipitare delle circostanze e dai crudeli meccanismi intrinsechi della pugna elettorale. L’individuo e gli ideali non reggono la forza d’impatto della macchina politica, la quale non ammette risposte alternative alla dicotomia “ritirarsi dalla lotta/passare al lato oscuro” (ed in effetti echi quasi Vaderiani si affacciano nella sequenza conclusiva). La risposte ai quesiti sopra elencati sembrano rivelare un cotè fatalista che addossa sulle spalle del sistema la corruzione dei soggetti politici, perfino migliori (anch’essi umanamente fallibili), suonando così come un’assoluzione per questi ultimi, per quanto non priva di complessità. Ma se si consegna al giudizio di ognuno il messaggio veicolato rispetto all’attualità, quel che rimane del film rivela pregi indiscutibili: una sceneggiatura ad orologeria in cui ogni informazione viene impugnata come un’arma e ogni parola pronunciata veicola per lo spettatore un messaggio doppio, triplo o esattamente opposto al suo significato letterale; una serie di prove d’attore (da Gosling a Hoffman, da Giamatti alla Wood) impeccabili e lontane dalla gigioneria gratuita; la conferma di un Clooney regista che mostra sempre di più la mano sicura (e i perdonabili eccessi retorici) della migliore Hollywood “scolastica”, quella dei film solidi, godibili e impeccabilmente confezionati, anche se privi di picchi stilistici e fughe in avanti.

Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio, prodotto dell'annata '85, scrive di cinema sul web dai tempi dei modem 56k. Nella vita si è messo in testa di fare cose che gli piacciano, quindi si è laureato in Linguaggi dei Media, specializzato in Cinema e crede ancora di poterci tirare fuori un lavoro. Vive a Milano, si occupa di nuovi media e, finchè lo fanno entrare, frequenta selezioni e giurie di festival cinematografici.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

A Taormina il Nations Award – Premio Cinematografico delle Nazioni

Nations Award - Premio Cinematografico delle Nazioni il 19 settembre a Taormina, tra i premiati: Jean Sorel e Abel Ferrara

Matera Film Festival 2020: la prima edizione dal 24 settembre

24, 25 e 26 Settembre, i tre giorni del Matera Film Festival 2020, prima edizione.

ECONTENT AWARD 2015