sabato, Settembre 19, 2020

Venezia 68 – Fuori Concorso – ¡Vivan las Antipodas! Di Victor Kossakovsky

Nel  1826 Joseph Niepce  fece emergere da una rudimentale camera oscura quella che è considerata la prima fotografia della storia, una vista dal suo studio di Le Gras scolpita dalla luce e presto dissolta dall’instabilità dei primi materiali fotosensibili. Incorniciata in un prologo adeguatamente virato in un contrastatissimo bianco e nero, quella stessa immagine apre l’ambizioso progetto di Kossakovsky, a misurare la distanza abissale tra quel primo bagliore di realtà catturata e l’imponente e acrobatico panopticon eretto per questo ¡Vivan las Antipodas! Una casupola Argentina a presidio di un ponte fluviale e la metropoli taiwanese; una fattoria sul lago Baikal e un allevamento ovino sulle Ande Cilene; una piccola comunità su un vulcano Haiwaiano e un villaggio nella savana del Botswana; una spiaggia neozelandese e un parco montano in Spagna. Quattro coppie di antipodi geografici compresse nello stesso film, nella stessa sequenza, nella stessa inquadratura per mettere in comunicazione vita, morte, rapporti di amicizia, amore, parentela, commercio, mostrando il conflitto e la mutua collaborazione tra civiltà e natura, dal microscopico al gigantesco, dall’incontaminato al sovrappopolato. Vedere tutto, insomma, simultaneamente e nel modo più splendente e nitido possibile concesso dalla tecnologia  attuale: nato come operatore e montatore, Kossakovsky imbraccia una RED e si avventura in un’impresa titanica  in giro per il globo, regalando inquadrature e soluzioni di montaggio memorabili, mappando, capovolgendo e inerpicando il nostro sguardo in una serie di richiami metaforici e visivi che hanno il pregio e il contemporaneo difetto di tenere miracolosamente assieme l’equilibristico impianto programmatico. Nell’affascinante abbuffata scopica diventa complicato mantenere il peso di un discorso globalista e omnicomprensivo, e si sceglie di correre a testa alta il rischio di non iniettare sufficiente sostanza sotto la superficie di questa meravigliosa collezione di cartoline impossibili. La regia ci abbaglia e si lascia abbagliare da paesaggi magniloquenti, apertamente poco interessata a giustificare in un macchinario tanto geometrico il didascalico fil-rouge dei due argentini o anche la scelta di localizzare la spersonalizzazione dell’essere umano nella sola Cina.  Molti, a fronte del fascinoso viaggio compiuto, non avranno problemi a perdonare le innegabili sbavature.  A maggior ragione, sorprende scoprire in conferenza stampa che il costo di un’impresa di questo tipo si aggiri “solo” attorno al milione e mezzo di euro, suddivisi in ragionevoli quote da tutto il mondo, per un progetto di coproduzione internazionale perfettamente in linea con quel che si è cercato di mostrare sullo schermo.

Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio, prodotto dell'annata '85, scrive di cinema sul web dai tempi dei modem 56k. Nella vita si è messo in testa di fare cose che gli piacciano, quindi si è laureato in Linguaggi dei Media, specializzato in Cinema e crede ancora di poterci tirare fuori un lavoro. Vive a Milano, si occupa di nuovi media e, finchè lo fanno entrare, frequenta selezioni e giurie di festival cinematografici.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

A Taormina il Nations Award – Premio Cinematografico delle Nazioni

Nations Award - Premio Cinematografico delle Nazioni il 19 settembre a Taormina, tra i premiati: Jean Sorel e Abel Ferrara

Matera Film Festival 2020: la prima edizione dal 24 settembre

24, 25 e 26 Settembre, i tre giorni del Matera Film Festival 2020, prima edizione.

ECONTENT AWARD 2015