sabato, Settembre 19, 2020

Hahithalfut (The Exchange) di Eran Kolirin Venezia 68 – concorso

Appartenente alla schiera dei talentuosi registi del nuovo cinema israeliano (fra cui si annoverano personaggi come Joseph Cedar e Samuel Maoz), Eran Kolirin presenta in concorso al Festival del Cinema di Venezia “Hahithalfut” (o, come recita il più facilmente pronunciabile titolo internazionale, “The exchange”), secondo lungometraggio che segue, a distanza di quattro anni, “The Band’s visit”, all’epoca inserito nel cartellone cannense. “Serious man” dall’aria vagamente impacciata, Oded, come il professore di coeniana memoria, si destreggia fra le lezioni di fisica all’università e la routine della vita familiare con la giovane moglie Tami, architetto alla ricerca del primo impiego. Stavolta però non sono una serie di implacabili coincidenze e incidenti vari a fare deviare dall’asse l’esistenza quieta e ovattata del protagonista, ma un sentimento di estraneità che si insinua improvvisamente nella vita di un uomo qualunque, innalzando una barriera invisibile fra Oded e il mondo apparentemente sereno degli affetti e delle piccole cose. Costretto da una forza invincibile ad osservare dall’esterno, con sguardo incredulo e trasognato, la banalità di gesti che si ripropongono ogni giorno uguali a se stessi, il protagonista finirà per rifugiarsi in un surreale e inaccessibile non-luogo, che assume le temporanee fattezze di uno spoglio scantinato-bunker. Degno compagno di questo viaggio dell’alienazione è Yoav, un vicino di casa che si diletta a lanciare insulti di ogni genere in direzione di appartamenti vuoti, mobili e elettrodomestici. È attraverso gli oggetti che fluisce il nostro rapporto con il mondo, mentre l’esistenza si riproduce nei propri schemi consolidati e il sentimento d’angoscia che ognuno di noi talvolta prova nella sensazione di “guardarsi vivere” ci lambisce di continuo, pur restando quasi sempre latente. Come un personaggio pirandelliano, Oded scoperchia per un istante il vaso, senza più riuscire a reinserirsi nelle pieghe preformate di una quotidianità umana e professionale che scolora, perdendo di ogni consistenza, a partire dalla sensazione che si prova quando si “torna a casa da scuola perchè si è malati e la casa sembra diversa”. Per raccontare i riavvolgimenti dell’animo di Oded, Kolirin evita i toni cupi, preferendo un registro più lieve, che scivola perfino nel comico e riesce a strappare qualche sorriso, senza però che l’amalgama risulti del tutto convincente o lasci dietro di sé poco più che una suggestione passeggera.

Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi è nata a Milano nel 1987. Laureatasi in filosofia nel 2009 è da sempre grande appassionata di cinema e di letteratura. Dal 2010, in seguito alla partecipazione a workshop e seminari, collabora con alcune testate on line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

A Taormina il Nations Award – Premio Cinematografico delle Nazioni

Nations Award - Premio Cinematografico delle Nazioni il 19 settembre a Taormina, tra i premiati: Jean Sorel e Abel Ferrara

Matera Film Festival 2020: la prima edizione dal 24 settembre

24, 25 e 26 Settembre, i tre giorni del Matera Film Festival 2020, prima edizione.

ECONTENT AWARD 2015