sabato, Settembre 19, 2020

Venezia 68 – Fuori Concorso – W.E. di Madonna (Usa, 2011)

Madonna mette in scena se stessa con una capacità di riscrittura del proprio reale immaginario che si avvicina per certi versi al vampirismo di David Bowie, non tanto il Bowieattore, ma il Bowie-autore nei film altrui, quello di una filmografia trasversale sporcata dal liquido seminale dell’autobiografia (allusa, vera, presunta, poco importa) in Roeg, Hemmings, Oshima, Landis, Scott, Lynch dove l’ossessione per un corpo che scompare, sottoposto a invecchiamento precoce o alle interferenze del tempo, si manifesta come un segno forte di distanza e prossimità d/alla propria immagine. W.E.  allora diventa davvero un acronimo polisemico che descrive più sovrimpressioni; film di fantasmi che si osservano e cercano di toccarsi con gesti di semplicità psicometrica, dove Madonna è certamente una di loro; opera di materialità storica che mette insieme presente, passato e futuro come se si trattasse di una lettura spontanea e selvaggia delle intuizioni di Pierre Sorlin, ovvero con una sensibilità viva, che percorre il tempo per salti, facendo reagire footage originali, frantumando il punto di vista nella sovrapposizione di formati, leggendo la storia come presenza. Non si tratta solamente della relazione aptica tra Wally Winthrop e gli oggetti materiali appartenuti a Wallis Simpson, sfiorati dalla donna di Manhattan con la volontà di stabilire una connessione intima con un passato altrimenti confinato in uno spazio museale e simbolico, ma anche della materia cinema che Madonna manipola con un abbandono certamente diseguale ma assolutamente vivo e sorprendente.  In questo senso, W.E. è anche un film attraversato da una potente anima musicale, con alcune sequenze trainate da una trasversalità ritmica che non ha quasi mai una pertinenza filologica (Henry Mancini, Sex Pistols, il lavoro di ricerca fatto da Tiersen e Korzeniowski) ma che cerca al contrario una verità interiore tra suono e immagine attraverso la sconnessione del punto di vista tra oggetto e soggetto; in fondo, quello che madonna ha fatto sino adesso con la sua stessa di immagine, cercando la verità tra reale e irreale.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

A Taormina il Nations Award – Premio Cinematografico delle Nazioni

Nations Award - Premio Cinematografico delle Nazioni il 19 settembre a Taormina, tra i premiati: Jean Sorel e Abel Ferrara

Matera Film Festival 2020: la prima edizione dal 24 settembre

24, 25 e 26 Settembre, i tre giorni del Matera Film Festival 2020, prima edizione.

ECONTENT AWARD 2015