martedì, Settembre 29, 2020

Venezia 68, la conferenza stampa

Si è svolta a Roma la Conferenza Stampa di Presentazione della 68esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia presentata da Paolo Baratta e Marco Mueller. Nell’incontro che ha preceduto le domande dei giornalisti il direttore Mueller ha raccontato l’enorme sforzo organizzativo che da sempre caratterizza la realizzazione dell’evento: «Sentiamo che questo programma ci rappresenta e ci somiglia. Raramente come quest’anno abbiamo sentito il sostegno dei produttori, degli esportatori e dei distributori che sono lo specifico della Mostra. È difficile assicurarsi una prima mondiale ed io tenevo molto ad alcuni lavori, come quello di David Cronemberg, e ho lottato per averlo.» Sugli sponsor che supportano il Festival: «I quotidiani ne hanno parlato poco ma grazie a Persol ci sarà il premio 3D che va ad un collettivo di cineasti italiani (Zapruder). Jaeger LeCoultre ci ha permesso di avere Al Pacino al quale sarà consegnato dalla sua amica e collega Jessica Chastain il Premio Jaeger LeCoultre Glory to the Filmmaker 2011.»

Sulle novità di questa edizione: «Vi regaleremo l’esperienza della nascita, di una cinematografia ovvero quella di Samoa con un film realizzato con capitali neozelandesi. Dei distributori coraggiosi ci hanno permesso di presentare il lavoro di due artisti del fumetto come Gipi e Marjane Satrapi

Nella sezione Orizzonti molti debutti, attesissimo il film di James Franco, un artista che si sposta da un mezzo comunicativo all’altro sempre in modo molto brillante

Il film sorpresa in concorso quest’anno è un film che ha delle difficoltà produttive e distributive, deve passare la censura in alcuni paesi e un altro nostro amico e collega ci ha chiamati stamattina per dirci che potrebbe finire il suo ultimo film in tempo per la mostra e forse troveremo posto anche per lui.

Non mi stupirei se questa venisse definita “La Mostra degli extra terrestri” vista la presenza di L’ultimo terrestre (Gipi) e de i fratelli Manetti con L’Arrivo di Wang presentato nella sezione Controcampo italiano, il loro film di genere. Il cinema commerciale italiano in tutti i suoi stadi va rappresentato. Spazio alla fantasia anche per Sion Sono ha con Himizu per il quale ha adattato uno dei manga più popolari in Giappone riprendendo a raccontare nel dopo tzunami il Giappone della gioventù.

Qualche piccola polemica da parte della stampa presente all’Hotel Excelsior di Roma sulla prevalenza del cinema americano: «Molti film sono americani, è verissimo, ma non sono i film mainstream che escono in tutte le sale all’indomani della fine della Mostra; sono tematiche complesse, penso al film di George Clooney che è molto graffiante e in Italia sarà distribuito da Rai Cinema, al ritorno di Abel Ferrara con una storia sulla fine del mondo e al cinema saggistico di Al Pacino

Sull’assenza di Coppola dato da molto come sicuro partecipante: «Molto semplice, non ha finito il film. È  un progetto particolare, un film interattivo quindi un lavoro in progress. Io lo avrei voluto come conclusione, ma è stato davvero impossibile. La prima sarà a Baltimora»

Sulla seconda prova registica di Madonna: «Il film è sorprendente! Il pretesto per la storia parte da una lettera di Wallis Simpson, tutt’altro che banale. Abbiamo convinto Madonna e i suoi finanziatori a farlo passare fuori concorso, sarà presentato infatti il 1 settembre e quello stesso giorno la vera star sarà Roman Polanski in collegamento via Skype per i suoi noti problemi giudiziari.

Voglio chiudere con una battuta: non tutte le mostre escono col buco, ma questa ce l’ha fatta di sicuro!»

Film in concorso:

The Ides of March, regia di George Cloneey con Ryan Goslin, George Clooney, Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Marisa Tomei, Evan Rachel Wood. (USA) 98’

Tinker, Taylor, Soldier, Spy, regia di Tomas Alfredson con Gary Oldamn, Colin Firth, Tom Hardy, John Hurth (Gran Bretagna , Germania). 127’

Wuthering Heights, regia di Andrea Arnold, con Kaia Scodelario, Nichola Burley, Steve Evans, Oliver Milburn (Gran Bretagna) 128’

Texas Killing Fields, regia di Ami Canaan Mann, con Sam Worthington, Jessica Chastain, Chloe Grace Moretz, Jeffrey Dean Morgan (USA), 109’.

Quando la notte, regia di Cristina Comencini con Claudia Pandolfi, Filippo Timi, Michela Cescon, Thomas Trabacchi (Italia Francia) 88’

Terraferma, regia di Emanuele Crialese con Filippo Pucillo, Donatella Finocchiaro, Giuseppe Fiorello, Claudio Santamaria (Italia Francia) 88’

A Dangerous Method, regia di David Cronemberg, con Keira Knightley, Viggo Mortensen, Micheal Fassbender, Vincent Cassel (Germania, Canada) 99’

4: 44 Last Day on Earth, regia di Abel Ferrara, con Willem Defoe, Shanyn Leigh, Paz de la Huerta, Natasha Lyonne (USA) 82’

Killer Joe, regia di William Friedkin con Matthew McConaughey, Emile Hirsh, Juno Temple, Gina Gershon, (Usa), 103’

Un été brulant, regia di Philippe Garrel, con Monica Bellucci, Louis Garrel, Céline Sallette, Jérome Robart, (Francia, Italia, Svizzera), 95’

Taojie (A Simple Life) regia di Ann Hui con Andy Lau, Deanie Yip, Anthony Wong, Tsui Hark (Cina-Hong kong Cina) 117’

Hahithalfut (The Exchange) regia di Eran Kolirin (opera seconda) con Rotem Keinan, Sharon Tal, Dov Navon, Shirili Deshe (israele Germania) 94’

Alpeis (Alps) regia di Yorgos Lanthimos con Ariane Labed, Aggeliki Papoulia, Aris Servetalis, Johnny Vekris (Grecia) 93’

Shame regia di Steve Mcqueen (opera seconda) con Micheal Fassbender, Carey Mulligan, James Badge, Nicole Beharie, (Gran Bretagna) 99’

L’ultimo terrestre regia di Gian Alfonso Pacinotti [Gipi] (opera prima), Gabriele Spinelli, Anna Bellato, Roberto Herlitzka, Teco Celio (Italia), 100’

Carnage, regia di Roman Polanski con Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly (Francia, Germania, Spagna, Polonia ) 79’

Poulet aux prunes, regia di Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud, con Mathieu Amalric, Maria De Mederios, Golshifteh Farahani, Isabella Rossellini, Chiara Mastroianni (Francia, Belgio, Germania) 90’

Faust, regia di Aleksander Sokurov, con Johannes Zeiler, Anton Adasinskiy, Isolda Dychauk, Hanna Schygulla, (Russia), 134’

Dark Horse regia di Todd Solondz, con Mia Farrow, Christopher Walken, Justin Bartha, Selma Blair (Usa), 84’

Himizu regia di Sion Sono, con Shota Sometani, Fumi Nikaido, Tetsu Watanabe, Mitsuru Fukikoshi, (Giappone), 129’

Seediq Bale regia di Wei Te-Sheng (opera seconda) con Da-Ching, Umin Boya, Landy Wen, Lo Mei-ling (Cina Tiwan) 135’

+ 1 Film a Sorpresa.

Fuori Concorso:

Film d’apertura: Vivan las Antipodas! (documentario) di Victor Kossakovsky

Film di chiusura: Damsels in Distress di With Stillman

La Folie Almayer di Chantal Akerman

Baish echuanshuo (The Sorcerer and the White Snake) di Yony Ching Siu-tung

La Désintègration di Philippe Faucon

Ò di Mary Harron

Alois Nebel di Tomas Lunak (opera prima)

W. E. di Madonna (opera seconda)

Eva di Kike Maillo (opera prima)

Scossa di Francesco Maselli, Carlo Lizzani, Ugo Gregoretti, Nino Russo

La Clé des Champs di Claude Nuridsany e Marie Perennou

Il villaggio di cartone di Ermanno Olmi

Wilde Salome di Al Pacino

Tormented di Takashi Shimizu

Contagion di Steven Soderbergh

Marco Bellocchio, Venezia 2011 di Pietro Marcello (documentario)

Tahir 2011 di Tamer Ezzat, Ahmad Abdalla, Ayten Amin, Amr Salama (documentario)

The end, di Collectif Abounaddara

Vanguard di Collectif Abounaddara

Evolution (Megaplex) [3D] (film di ricerca)

 

Eventi Fuori Concorso:

Questa storia qua Vasco Rossi (documentario) di Alessandro Paris e Sibylle Righetti

Diana Vreeland: The Eye Has to Travel (documentario)di Lisa Immordino Vreeland

Leone d’oro alla Carriera:

Marco Bellocchio

Premio Persol 3-D 2011:

Joule, Spell. The Hypnotist Dog e Suite  di David Zamagni e Nadia Ranocchi

Nicholas Ray 1911-2011:

We Can’t Go Home Again [nuova versione ricostruita e restaurata] di Nicholas Ray

Don’t Expect Too Much di Susan Ray

Rossellini Ritrovato:

India Matri Bhumi [nuova versione restaurata] di Roberto Rossellini

Mani Kaul (25.12.1944-6.7.2011)

Duvidha di Mani Kaul

Omaggio a Todd Haynes:

Mildred Pierce di Todd Haynes con Kate Winslet, Guy Pearce, Melissa Leo, Evan Rachel Wood

 

 

 

 

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015