martedì, Settembre 29, 2020

Marécages di Guy Edoin – Venezia 68 – Settimana della Critica

La vita non fa sconti ai protagonisti di Marécages, torbido dramma familiare intessuto di crudo realismo, sullo sfondo di un Canada rurale e pettegolo. Firmato dal giovane regista canadese Guy Edoin, il film è stato presentato a Venezia 68 all’interno del cartellone della Settimana della Critica. Le paludi del titolo attraversano le anime dei protagonisti, tutti a modo loro incapaci di gestire tentazioni (sesso, alcool, fumo, impulso di morte) ed emozioni, e infine travolti dalle maree di un’esistenza in cui le difficoltà materiali si traducono inesorabilmente nell’incapacità di vivere con i propri simili, senza che la vicinanza quotidiana si trasformi, in modo più o meno palese, in una forma di sopruso. Atti mancati, sventatezze e imperdonabili meschinità reggono le fila di vite prive di cardini, incapaci di porre un argine ai deragliamenti dell’esistenza tanto quanto alle sventure economiche, in un gorgo che non sembra avere fondo, fino ad una conclusione “aperta” in cui il mero calcolo avrà, almeno per alcuni, la priorità su ogni sorta di pietà. Al centro della vicenda c’è Simon, sedicenne ambiguo, che mescola timidezza e arroganza sotto una maschera di indifferenza per il mondo che lo circonda, mentre i genitori, allevatori in una fattoria sperduta fra le campagne canadesi faticano a conciliare introiti e bollette in arretrato. Mentre una disperazione sorda si insinua progressivamente nel rapporto fra marito e moglie, Simon trova nella solitudine una fallace via di scampo ad una condizione di sotterraneo disagio, sfogando la sua rabbia in gesti di stizza privi di scopo. Un senso oppressivo di morte e una condanna all’autodistruzione, appena dissipati dal ripetersi quotidiano dalle attività che l’allevamento richiede, sembrano pendere sulla famiglia, trasformando lo scorrere degli eventi in una cupa discesa verso l’annientamento, in violento contrasto con la sensazione di apertura suscitata dai paesaggi inondati di luce dei campi coltivati. Un figlio è morto in circostanze misteriose, un vecchio amico si uccide di fronte alla prospettiva di un ormai certo tracollo economico, un vitello viene al mondo già privo di vita e getta Jean nella più cupa disperazione, proprio mentre la moglie gli confida di essere in attesa di un bambino. Simon che, non a caso, è mostrato per la prima volta appollaiato in cima ad un albero, osserva in silenzio, fino a quando, un giorno, sceglierà per un impulso irrefrenabile di modificare le coordinate del destino, con un gesto che avrà il potere di cambiare per sempre le esistenze di tutti i protagonisti.

Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi è nata a Milano nel 1987. Laureatasi in filosofia nel 2009 è da sempre grande appassionata di cinema e di letteratura. Dal 2010, in seguito alla partecipazione a workshop e seminari, collabora con alcune testate on line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015