martedì, Settembre 29, 2020

Venezia 69 – Giornate degli Autori – Crawl di Hervé Lasgouttes (Francia, 2012)

Sono i ritratti di vite difficili il tema su cui si impernia Crawl, dell’esordiente Hervé Lasgouttes. Storie ambientate in Normandia, in quelle periferie la cui apparente marginalità finisce per rassomigliare tutti gli individui e i luoghi. Martin e Gwen sono due giovani che si guadagnano il diritto alla vita come possono: lui, orfano di madre, si arrabatta qua e là nonostante una totale avversione alle regole; lei lavora in uno stabilimento di lavorazione del pesce e coltiva il sogno di nuotare da professionista in Messico. Il loro incontro e l’amore che ne scaturisce mineranno questo precario equilibrio, ma non priveranno la vicenda di un onesto lieto fine. Il setting del film vorrebbe imporsi per la propria peculiarità, ma finisce per arrendersi alla logica del già visto. L’errore non è tanto nella regia, quanto nello script: rischioso affidarsi al naturalismo evocatorio di luoghi già sfruttati da Kaurismäki nel recente Le Havre. Le atmosfere uggiose e le storie da piccola cronaca locale si richiamano apertamente, perdendo così quella ingenua autenticità che dovrebbe invece sostenere l’intera rappresentazione (un fenomeno che si conosce bene anche in Italia, come per il Friuli di La ragazza del Lago o Come Dio comanda). Lasgouttes cerca di caratterizzare al meglio il materiale a propria disposizione. Sul piano visivo tenta di colorire il carattere piatto della periferia: la ricorsione virale di immagini concrete (la pesca e il taglio del pesce, ma anche gli elementi atmosferici) dona al film un insperato carattere grottesco, tanto da ricordare le scene di “erotismo ittico” del norvegese Knut Erik Jensen in Brent av Frost (1997), seppur prive di trasgressione. A livello formale il regista opta per una scrittura frammentaria dell’immagine, quasi da automavision: gli stacchi sono frequenti e bruschi, alternati ad una ricerca antitetica dell’immagine piena, priva di campi e punti di fuga. Il ritmo del film tenta invece di imporsi per mezzo di una struttura a più voci, all’interno del quale si intrecciano le vicende non solo di Martin e Gwen, ma anche della famiglia di lui. Il problema è che la ricerca di un tessuto narrativo inutilmente complesso porta lo sguardo dello spettatore a perdersi, dal momento che vengono raccontate troppe storie contemporaneamente. Invece di concentrarsi su uno sviluppo all’unisono, Lasgouttes crea inevitabili scompensi che privano Crawl della necessaria comprensibilità. Piace però pensare che sia un effetto voluto: un modo di descrivere quell’atmosfera sovente banalizzata della provincia, dove pare sempre accadere tutto e niente. Un’intenzionalità molto forte e visibile, quella di Lasgouttes, che ha spinto la giuria de Giornate degli Auoti/Venice Days a conferire a questa pellicola il premio come miglior film della rassegna autonoma.

 

Davide Minotti
Davide Minotti
Davide Minotti nasce a Frosinone nel 1989. Dopo un'esperienza alla John Cabot University di Roma, si occupa ora di Germanistica e Scandinavistica tra l'Università degli Studi di Firenze e la Rheinische-Friedrich-Wilhelms-Universität di Bonn, dove vive. Appassionato di letteratura e cinema, spera che un giorno questi interessi possano diventare qualcosa di più concreto. Nel frattempo scrive e progetta cortometraggi nel perenne tentativo di realizzarli.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015