martedì, Settembre 29, 2020

O luna in Thailandia di Paul Negoescu – Venezia 69 – Settimana della Critica

Reagendo idealmente agli stilemi di una cinematografia scabra e severa, legata esclusivamente alla rappresentazione delle problematiche socio-politiche del paese, il rumeno Paul Negoescu approda al Lido con una commedia che si sporge a Occidente e che ha per protagonisti una serie di ventenni/trentenni della middle class di Bucarest. In apparenza O luna in Thailandia è un divertissement brillante, che mette bonariamente alla berlina le inquietudini sentimentali del maschio medio, evitando, se possibile, riferimenti diretti alle condizioni di una regione in difficile cammino verso la modernità. Anche in Romania i giovani sono innamorati, volubili e indecisi. Amano le feste e le vacanze, hanno paura di accasarsi, ma ancor più di rimanere soli. Siamo a Bucarest, ma potremmo essere ovunque tranne, forse, nella Thailandia del titolo, sogno paradisiaco eternamente rimandato alla prossima occasione (o, forse, alla prossima compagna). Lo skyline della capitale ci accoglie comunque sui titoli di testa, che lasciano spazio a una giovane coppia di innamorati. E’ l’ultimo giorno dell’anno. Radu ancora non lo sa, ma nelle successive ventiquattro ore la sua esistenza prenderà una piega diversa (completamente?). Tutto il film è racchiuso nell’arco di una giornata campale, dove amore, ansia di liberà e rabbia presenteranno a turno il proprio conto. Alla ricorrenza che tutti festeggiano il 31 dicembre si sovrappone il “mesiversario” di Radu e Adina. Basta un gesto dei due innamorati per illuminare il carattere della loro unione. Lei, devota e pacata, gli consegna un piccolo dono. Lui, smemorato e impacciato, lo mette da parte senza contraccambiare. Lei sogna di vivere con il fidanzato e di introdurlo nella propria famiglia. Lui non dimentica le altre donne e dà segni di stanchezza. Un mese (“o Luna” appunto) da trascorrere insieme in Thailandia è quel che poco dopo Radu immagina per loro. Nel volgere di poche ore, mentre tutti si preparano alla mezzanotte, l’armonia lascia il posto all’insicurezza e alla gelosia, fino a un’inevitabile rottura. Improvvisamente Radu si convince che la donna dei suoi sogni è Nadia, fidanzata precedente di cui ha perso le tracce. Deciso a ritrovarla, il ragazzo trascorrerà l’intera nottata vagando alla ricerca del suo perduto amore. O Luna in Thailandia è in fondo un film sulla capacità e sull’incapacità degli esseri umani di comprendere i propri simili e di entrare in sintonia con loro, di percepire la loro presenza e l’impatto che potrebbero avere sulla propria esistenza. Radu rimane in fondo cieco, deciso a lasciare Adina perché affascinato dall’idea di avere con sé una compagna forte e indipendente. Mentre è al supermercato con un amico, si persuade di aver intravisto Nadia, figura misteriosa, persa e poi ritrovata. L’uomo insegue il proprio sogno, l’immagine di una donna che si illude di aver incrociato fra gli scaffali e sulla quale proietta l’immagine agognata. L’affannosa ricerca oscura ogni altro possibile contatto, tanto che il protagonista non si accorge delle donne che incontra lungo il cammino – la seducente fanciulla che cerca di confortarlo o la nuova e intraprendente amica conosciuta in un locale – potenziali compagne ben più rispondenti al modello, che passano inosservate agli occhi di Radu. Nadia alla fine compare. Non molto diversa da Adina, innamorata e fedele, tradita nel suo amore assoluto per l’uomo che adora. Due donne diverse, ma sovrapponibili (Nadia è l’anagramma di Adina), che si alternano nel balletto di sentimenti e false piste che agitano il protagonista. Anche qui vale la massima: “bisogna che tutto cambi perché nulla cambi”. In un film che non tradisce le promesse di lievità, la traballante vicenda amorosa diventa lo specchio di una società in bilico fra desiderio del nuovo e ancoraggio alla tradizione, che non rinuncia alle proprie radici (emblematiche in tal senso le posizioni assunte da Adina e da Nadia), ma conosce il gusto dell’ignoto.

Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi è nata a Milano nel 1987. Laureatasi in filosofia nel 2009 è da sempre grande appassionata di cinema e di letteratura. Dal 2010, in seguito alla partecipazione a workshop e seminari, collabora con alcune testate on line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015