venerdì, Dicembre 4, 2020

Viennale 2011 – Stillieben di Sebastian Meise (Austria, 2011)

Famiglia nucleare austriaca, madre padre figlio e figlia. Il padre va a prostitute chiedendole di far finta di essere la figlia. Il figlio lo scopre. Crisi familiare. Punto. Questo è Still Life (Stilllieben). Da un incipit drammatico (benché certo non originale) il film si evolve nel nulla più assoluto. La ricostruzione del nucleo familiare, l’espiazione del peccato, l’indagine sulla presunta pedofilia del padre, l’accettazione psicologica della sua devianza: tutte le conseguenze che una narrazione simile richiederebbe sono soffocate, messe fuori campo. Lo snodo narrativo è praticamente solo uno, quello iniziale, potente. È nella delusione delle aspettative dello spettatore che il film trova la propria ragione di esistere e la propria potenza espressiva. Per tutto il film non succede praticamente niente. Compostezza dei gesti, occhi vitrei, battute ridotte all’osso e volti impenetrabili: tutto è all’insegna della repressione, la recitazione come la messa in scena.
Still Life è il racconto di uno stallo, di una sospensione post-drammatica, di uno stordimento, di un vuoto che nessuno dei protagonisti riesce a colmare né ad accettare. Un film breve e arido, in cui lo sguardo cerca l’azione e trova apatia. E un’operazione cinematograficamente azzardata: annoiare lo spettatore per poi fargli capire, nella geniale scena finale, che è proprio dalla noia e dall’assenza di azione che nasce il dramma. Un’opera per certi versi molto simile a “4 minuti e 33 secondi” di John Cage, un silenzio di 75 minuti. Coltiviamo la speranza (vana?) che arrivi sugli schermi italiani.

Raffaele Pavoni
Raffaele Pavoni (Piombino - LI, 15/04/1987) si è laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo nel 2008, e ha ottenuto il diploma CESCOT di Tecnico Qualificato Documentarista nel 2009. Ha all'attivo documentari, cortometraggi, clip promozionali, collaborazioni con emittenti televisive e studi fotografici, partecipazioni a festival. Ha collaborato e collabora per varie testate web. Vive e lavora a Firenze.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015