venerdì, Dicembre 4, 2020

Warrior di Gavin O’ Connor (Usa, 2011)

Due fratelli, un reduce di guerra che ha visto morire il suo più caro amico e un professore di fisica a cui stanno per pignorare la casa, decidono di tornare a lottare in un torneo di MMA (Mix Martial Arts), per rabbia uno e per soldi l’altro, fino a ritrovarsi faccia a faccia per lo scontro decisivo.

Warrior è un film scontato, pieno di cliché, che si lascia intuire prima ancora di prendere forma, che crea aspettative e le mantiene tutte. Prodotto mainstream, preconfezionato, da multiplex, da popcorn e coca-cola. Warrior è un vero capolavoro. Gavin O’ Connor confeziona un film che, più che costituire la base di future evoluzioni della settima arte, rappresenta un punto di arrivo, del cinema sportivo come del cinema tout-court; è un classico, popolare e imperituro, che assorbe tendenze e influenze pregresse senza alcun desiderio di stupire, di destabilizzare, di scomodare. È una sorta di doppio Rocky convergente, bipartito e narrativamente convenzionale: presentazione dei personaggi, colpo di scena (sono fratelli!), evoluzione delle loro vicende personali e poi via sul ring. O’ Connor si muove nel classicismo, ma contemporaneamente anche nella contemporaneità, intesa sia a livello stilistico (l’uso intelligente della steadycam, il lungo split screen d’intermezzo che funge da intelligente acceleratore narrrativo) sia a livello tematico. L’America nella quale i due protagonisti si muovono, infatti, è quella obamiana, i cui sogni canonici (casa – famiglia – ricchezza) vacillano da un lato per la crisi economica, dall’altro per l’agonia e per il trauma collettivo di una guerra senza fine, quella irachena. Su un impianto da film sportivo contemporaneo, O’Connor innesta i temi tradizionali del cinema statunitense: il reinserimento dei reduci di guerra nel tessuto sociale, la paura di non poter garantire una vita dignitosa ai propri figli, la lenta ricostruzione di un nucleo familiare distrutto, la sfida contro l’impossibile, la giustizia che vince sulla forza bruta, la paura del confronto, l’inadeguatezza nei confronti delle proprie aspettative. Tra tutti gli sport, la boxe sicuramente si configura, da Toro Scatenato in poi, come la forma spettacolare più fertile per mettere in scena la lotta dell’uomo singolo contro il mondo. E Warrior lo fa parlando con corpi, gesti, sguardi, luci. Ogni cosa è perfetta, ogni particolare crea significato, dalla sceneggiatura al montaggio finale, dai chiaroscuri ai colori all’armonico alternarsi dei piani di ascolto durante i combattimenti. E con un’interpretazione ottima di Tom Hardy, oltre altre a quelle di Nick NolteJoel Edgerton, rivelazione del nuovo cinema americano, eccessivo (come in Bronson) ma proprio nella sua eccessività teso all’estremo tra una rabbia ineffabile e la compressione della stessa, sorta di bomba a orologeria che fuori dal torneo si contiene in un mutismo assordante, camminando ingobbito, ma sul ring sfoga la sua rabbia in maniera istantanea, con K.O. fulminei, anche a livello narrativo. Ritmo, linee, corpi, direzioni, dinamismo, dettagli: il film di O’Connor ci dice le stesse cose di sempre con lo stile di sempre, ma questo pensiero svanisce lentamente, lasciando spazio al pathos più sincero. D’altronde, anche lo sport è lo stesso da sempre. E quel piccolo gesto con cui i due fratelli si riappacificano, quel colpetto sulla spalla, mostra come la spinta di contenimento della tensione drammatica sia costante e pienamente consapevole. E infatti il finale, in cui la sublimazione del dramma nel combattimento visivo si fa totale, non necessita di alcuna coda.

Raffaele Pavoni
Raffaele Pavoni (Piombino - LI, 15/04/1987) si è laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo nel 2008, e ha ottenuto il diploma CESCOT di Tecnico Qualificato Documentarista nel 2009. Ha all'attivo documentari, cortometraggi, clip promozionali, collaborazioni con emittenti televisive e studi fotografici, partecipazioni a festival. Ha collaborato e collabora per varie testate web. Vive e lavora a Firenze.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015