Indie-eye – Cinema – Testata giornalistica di Cinema

Parola scritta, rilettura e riscrittura, romanzo e narrativa al centro della 49/ma edizione di Berlinale Forum, la sezione inserita nel più ampio contesto di Berlino 2019. Tutti e 39 i film della selezione ufficiale 

Di

Sono 39 i film della sezione Forum per la prossima Berlinale e 31 di questi sono anteprime mondiali. Mentre le proiezioni speciali saranno annunciate successivamente, il core della rassegna è stato già annunciato. Tra i titoli selezionati , l’horror “muto” realizzato in super 8 da Kelly Copper e Pavol Liska tratto dalla storia di fantasmi “Die Kinder der Toten”, scritta da Elfriede Jelink. La letteratura ancora al centro di “The Portuguesa Woman” di Rita Azevedo Gomes, adattamento del romanzo di Musil. La parola scritta e la narrativa sono il punto di partenza per molti dei film selezionati, “So schön” di Ronald M. Schernikau viene riletto da Jessie Jeffrey e Dunn Rovinelli in “So pretty” dove la Berlino Gay degli ottanta diventa la New York coeva. “Une rose ouverte / Warda (An Open Rose)” di Ghassan Salhab prende le mosse dalla produzione episolare di Rosa Luxemburg.

La selezione dei film della 49/ma edizione di Berlinale Forum

  • African Mirror
    di Mischa Hedinger 
    Svizzera
    Premiere Mondiale (WP)
  • Aidiyet (Belonging)
    di Burak Çevik
    Tuchia, Canada, Francia
     WP
  • Bait 
    di Mark Jenkin
    GB
    WP
  • Breathless Animals
    di Lei Lei
    USA
    WP
  • Chão (Landless)
    di camila Freitas
    Brasile
    WP
  • Chun nuan hua kai (From Tomorrow on, I Will)
    di Ivan Marković, Wu Linfeng
    Germania / Cina / Serbia
    WP
  • Demons
    di Daniel Hui
    Singapore
  • El despertar de las hormigas (Hormigas)
    di Antonella Sudasassi Furniss
    Costa Rica / Spagna
    WP
  • Erde (Earth)
    di Nikolaus Geyrhalter
    Austria
    WP
  • Fern von uns (Far from Us)
    di Verena Kuri, Laura Bierbrauer
    Argentina
    WP
  • Fortschritt im Tal der Ahnungslosen (Progress in the Valley of the People Who Don’t Know)
    di Florian Kunert
    Germania
    WP
  • Fourteen
    di Dan Sallitt
    USA
    WP
  • Fukuoka
    di Zhang Lu
    Corea
    WP
  • Heimat ist ein Raum aus Zeit (Heimat Is A Space in Time)
    di Thomas Heise
    Germania / Austria
    WP
  • Kameni govornici (The Stone Speakers)
    di Igor Drljača
    Canada / Bosnia Herzegovina
    Premiere internazionale (IP)
  • Kimi no tori wa utaeru (And Your Bird Can Sing)
    di Sho Miyake
    Giappone
    IP
  • Die Kinder der Toten
    di Kelly Copper, Pavol Liska
    Austria
    WP
  • Lapü 
    di César Alejandro Jaimes, Juan Pablo Polanco
    Colombia
  • Malchik russkiy (A Russian Youth)
    di Alexander Zolotukhin
    Russia
    WP
  • Man you (Vanishing Days)
    di Zhu Xin
    Cina
  • Monștri. (Monsters.)
    di Marius Olteanu
    Romania
    WP
  • Mother, I Am Suffocating. This Is My Last Film About You. 
    di Lemohang Jeremiah Mosese
    Lesotho
    WP
  • MS Slavic 7
    di Sofia Bohdanowicz, Deragh Campbell
    Canada
    WP
  • Nasht (Leakage)
    di Suzan Iravanian, Iran, Repubblica Ceca
    WP
  • Ne croyez surtout pas que je hurle (Just Don’t Think I’ll Scream)
    di Frank Beauvais, Francia
    WP
  • Nos défaites (Our Defeats)
    di Jean-Gabriel Périot
    France
    WP
  • Olanda
    di Bernd Schoch
    Germania
    WP
  • Oufsaiyed Elkhortoum (Khartoum Offside)
    di Marwa Zein
    Sudan / Norvegia / Danimarca
    WP
  • The Plagiarists
    di Peter Parlow
    USA
    WP
  • A portuguesa (The Portuguese Woman)
    di Rita Azevedo Gomes
    Portogallo
  • Querência (Homing)
    di Helvécio Marins Jr., Brasile / Germania
    WP
  • Retrospekt di Esther Rots
    Olanda – Belgio
  • A rosa azul de Novalis (The Blue Flower of Novalis)
    di Gustavo Vinagre, Rodrigo Carneiro
    Brasile
    IP
  • Serpentário (Serpentarius)
    di Carlos Conceição
    Angola / Portogallo
    WP
  • So Pretty
    di Jessie Jeffrey Dunn Rovinelli
    Usa / Francia
    WP
  • Gli ultimi a vederli vivere (The Last to See Them)
    di Sara Summa, Germany
    WP
  • Une rose ouverte / Warda (An Open Rose)
    di Ghassan Salhab, Lebanon
    WP
  • Weitermachen Sanssouci (Music and Apocalypse)
    di Max Linz, Germany
    WP
  • Years of Construction
    di Heinz Emigholz
    Germania
    WP


 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi