Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Un approccio interessante e centrifugo quello di Cannes 2020, che sostiene di fatto le sale e la rete dei festival internazionali senza rinunciare alla propria identità e soprattutto senza svenderla alle piattaforme VOD. Tutti i film che vedrete attraverso alcuni festival e le sale cinematografiche, rigorosamente con il bollino Cannes 2020.  

Di

L’ipotesi di rinviare il 73/mo Festival Internazionale di Cannes, inizialmente previsto tra la fine di Giugno e l’inizio di Luglio, era già stata ritenuta impossibile a metà aprile. Al primo posto la sicurezza e la salute, ma senza dimenticare l’importanza del Cinema per come lo conosciamo. Queste le intenzioni espresse dal direttivo già un mese e mezzo fa: cercare soluzioni possibili per rendere Cannes 2020 “reale” e non virtuale. Ieri, tre maggio, Pierre Lescure, Presidente del Festival e Thierry Frémaux, Delegato Generale, hanno annunciato la line up dei film selezionati per l’edizione 2020. Con l’evento annullato, i film potranno essere programmati e circolare attraverso i festival di tutto il mondo, prima della diffusione in sala, con un bollino di qualità che ne assicuri l’esclusiva Cannense. Tutti i Festival ad eccezione di Venezia, la cui programmazione si basa principalmente su anteprime mondiali, aspetto incompatibile con la missione di questa edizione “itinerante” del festival francese.
Un approccio interessante e centrifugo, che sostiene di fatto le sale e la rete dei festival internazionali senza rinunciare alla propria identità e soprattutto senza svenderla alle piattaforme VOD.

Questi i film di Cannes 2020

I Fedeli del Festival

  • THE FRENCH DISPATCH di Wes Anderson (USA) – 1h43
  • ÉTÉ 85 di François Ozon (France) – 1h40
  • ASA GA KURU (True Mothers) di Naomi Kawase (Japan) – 2h20
  • LOVERS ROCK di Steve McQueen (United Kingdom) – 1h08
  • MANGROVE di Steve McQueen (United Kingdom) – 2h04
  • DRUK (Another Round) di Thomas Vinterberg – (Denmark) – 1h55
  • ADN (DNA) di Maïwenn (France / Algeria) – 1h30
  • LAST WORDS di Jonathan Nossiter (USA) – 2h06
  • HEAVEN: TO THE LAND OF HAPPINESS di IM Sang-Soo (South Korea) – 1h40
  • EL OLVIDO QUE SEREMOS (Forgotten we’ll be) di Fernando Trueba (Spain) – 2h16
  • PENINSULA by YEON Sang-Ho (South Korea) – 1h54
  • IN THE DUSK (Au crépuscule) di Sharunas BARTAS (Lituania) – 2h06
  • DES HOMMES (Home Front) di Lucas BELVAUX – (Belgium) – 1h40
  • THE REAL THING di Kôji Fukada (Japan) – 3h48

Le New Entry del Festival

  • PASSION SIMPLE di Danielle Arbid (Lebanon) – 1h36
  • A GOOD MAN di Marie Castille Mention-Schaar (France) – 1h47
  • LES CHOSES QU’ON DIT, LES CHOSES QU’ON FAIT by Emmanuel Mouret (France) – 2h
  • SOUAD di Ayten Amin (Egypt) – 1h30
  • LIMBO di Ben Sharrock (United Kingdom) – 1h53
  • ROUGE (Red Soil) by Farid Bentoumi (France) – 1h26
  • SWEAT di Magnus Von Horn (Sweden) – 1h40
  • TEDDY di Ludovic et Zoran Boukherma (France) – 1h28
  • FEBRUARY (Février) di Kamen Kalev (Bulgaria) – 2h05
  • AMMONITE di Francis Lee (United Kingdom) – 2h
  • UN MÉDECIN DE NUIT di Elie Wajeman (France) – 1h40
  • ENFANT TERRIBLE di Oskar Roehler (Germany) – 2h14
  • NADIA, BUTTERFLY di Pascal Plante (Canada) – 1h46
  • HERE WE ARE di Nir Bergman (Israel) – 1h34

Un Film Collettivo

  • SEPTET: THE STORY OF HONG KONG di Ann Hui, Johnnie TO, Tsui Hark, Sammo Hung, Yuen Woo-Ping et Patrick Tam – 1h53

Opere prime

  • FALLING di Viggo Mortensen (USA) – 1h52
  • PLEASURE di Ninja Thyberg (Sweden) – 1h45
  • SLALOM di Charlène Favier (France) – 1h32
  • CASA DE ANTIGUIDADES (Memory House) di Joao Paulo Miranda Maria (Brazil) – 1h27
  • BROKEN KEYS (Fausse note) di Jimmy Keyrouz (Lebanon) – 1h30
  • IBRAHIM di Samir Guesmi (France) – 1h20
  • BEGINNING (Au commencement) di Déa Kulumbegashvili (Georgia) – 2h10
  • GAGARINE di Fanny Liatard et Jérémy Trouilh (France) – 1h35
  • 16 PRINTEMPS di Suzanne Lindon (France) – 1h13
  • VAURIEN di Peter Dourountzis (France) – 1h35
  • GARÇON CHIFFON di Nicolas Maury (France) – 1h48
  • SI LE VENT TOMBE (Should the Wind Fall) di Nora Martirosyan (Armenia) – 1h40
  • JOHN AND THE HOLE di Pascual Sisto (USA) – 1h38
  • STRIDING INTO THE WIND (Courir au gré du vent) di WEI Shujun (China) – 2h36
  • THE DEATH OF CINEMA AND MY FATHER TOO (La Mort du cinéma et de mon père aussi) di Dani Rosenberg (Israel) – 1h40

3 Documentari

  • EN ROUTE POUR LE MILLIARD (The Billion Road) di Dieudo Hamadi – (Democratic Republic of Congo) – 1h30
  • THE TRUFFLE HUNTERS di Michael Dweck et Gregory Kershaw (USA) – 1h24
  • 9 JOURS A RAQQA di Xavier de Lauzanne – (France) – 1h30

5 Commedie

  • ANTOINETTE DANS LES CÉVÈNNES di Caroline Vignal (France) – 1h35
  • LES DEUX ALFRED di Bruno Podalydès (France) – 1h30
  • UN TRIOMPHE (The big hit) di Emmanuel Courcol (France) – 1h40
  • L’ORIGINE DU MONDE di Laurent Lafitte (France) – 1st film
  • LE DISCOURS di Laurent Tirard (France) – 1h27

4 Film d’animazione

  • AYA TO MAJO (Earwig and the Witch) di Gorô Miyazaki (Japan) – 1h22
  • FLEE di Jonas Poher Rasmussen (Denmark) – 1h30
  • JOSEP di Aurel (France) – 1h20 – 1st film
  • SOUL di Pete Docter (USA) – 1h30
Michele Faggi