Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Il rinvio al 2021 della 10° edizione di Ciné rappresenta, in questa fase drammatica della nostra attività, non solo una scelta dovuta ma anche un atto di sensibilità nei confronti di tutti coloro che sono stati colpiti dalla pandemia, nella salute e negli affetti oltre che nelle attività economiche. Sono parole di Mario Lorini, Presidente ANEC, che annunciano il rinvio di Ciné, Giornate di Cinema, la manifestazione promossa e prodotta da ANEC, ANICA e Cineventi. 

Di

Ciné, Giornate di Cinema è la manifestazione estiva dedicata all’industria cinematografica nazionale, promossa da ANICA e ANEC e organizzata da Cineventi. Avrebbe dovuto svolgersi dal 30 giugno al 3 Luglio 2020, ma per questa edizione, sospende le proprie attività, riprogrammando manifestazione ed eventi per il prossimo 2021.
Emergenza sanitaria e blocco totale delle attività dell’industria cinematografica hanno portato alla maturazione di questa decisione, per raccogliere nuove forze e celebrare degnamente quello che, nel 2021, sarà il decimo anniversario della manifestazione.

Assistiamo quasi impotenti all’evolversi degli eventi e non possiamo che ringraziare quanti sono in prima linea in questa battaglia. – commenta Luigi Lonigro, Presidente sez. distributori di ANICA – Il nostro ringraziamento va ai medici, agli infermieri e ai tanti volontari che guardano in faccia il dolore e la morte tutti i giorni. […]  Le associazioni, unite più che mai, stanno lavorando quotidianamente per far sì che l’industria possa farsi trovare pronta per ripartire in modo coordinato ed impetuoso. ”

Il rinvio al 2021 della 10° edizione di Ciné – continua Mario Lorini, Presidente ANECrappresenta, in questa fase drammatica della nostra attività, non solo una scelta dovuta ma anche un atto di sensibilità nei confronti di tutti coloro che sono stati colpiti dalla pandemia, nella salute e negli affetti oltre che nelle attività economiche. Gli esercenti e tutti i professionisti del Cinema sostengono tale decisione, nella condivisione della necessità di essere uniti e di rimboccarsi le maniche in vista della ripresa delle nostre attività, che va sin da ora pianificata con attenzione, anche a livello internazionale, e sostenuta da tutte le forze in campo, incluse le Istituzioni. L’edizione 2021 di Ciné non potrà che rappresentare al meglio la forza e la determinazione della nostra industria.”

“Il mondo della produzione – chiarisce Francesca Cima, Presidente sez. produttori di ANICA – concorda con i colleghi di distribuzione ed esercizio e non può che accettare con amarezza la sospensione delle giornate professionali di Ciné, occasione unica per noi operatori non solo di mercato ma anche di incontro e di scambio sulle prospettive strategiche per il nostro settore. Stiamo lavorando, anche in questi giorni, tutti insieme, per garantire ed immaginare il nostro futuro professionale, sfruttando al meglio la tecnologia e il senso di appartenenza ad una comunità, quella della nostra filiera, mai così unita come in questa emergenza. Non appena ci saranno le condizioni sanitarie siamo certi che riusciremo a fare tesoro anche di queste giornate di sofferenza e di sacrificio.“

Conclude Remigio Truocchio, general manager di Ciné “Il nostro pensiero va innanzitutto alle vittime del COVID-19 e ai tanti che, soprattutto nel nostro settore, hanno visto le loro attività fermarsi terribilmente ma abbiamo consapevolezza che le associazioni di categoria e tanti professionisti stanno lavorando tenacemente alla fase di ripresa e concordiamo che questa debba essere la priorità in questo momento. Stiamo sperimentando quanto sia difficile programmare e muoversi in simili circostanze, ma ci auguriamo che l’estate possa significare per tutti la ripartenza, con nuovi parametri, rinnovati equilibri e grandi motivazioni. Come organizzazione stiamo valutando la possibilità di un momento estivo di presentazione e confronto su una piattaforma virtuale, che verificheremo con le associazioni in base all’evoluzione della situazione attuale