domenica, Ottobre 25, 2020

Street Trash – Horror in Bowery Street: Il gore-cult di Jim Muro tra anarchia e action painting: unboxing del Blu Ray

Street Trash, Horror in Bowery Street. Il capolavoro gore degli anni 80, il video unboxing

Street Trash di Jim Muro: sangue, budella e bile

Per anni è circolato su VHS di terza generazione, ambito dai collezionisti più duri e puri “Street Trash” è un film virtualmente sconosciuto in Italia. L’anno di produzione è lo stesso di “Bad Taste” di Peter Jackson, il 1987 e lo spirito gore del lavoro di Jim Muro non è così diverso da quello del regista neozelandese, almeno per quanto riguarda il caustico umorismo che lo attraversa. Diverso è probabilmente il tono, molto più selvaggio e punk, quasi una rilettura di alto livello dell’universo di Lloyd Kaufman e della sua Troma. Gli homeless e i disgraziati del Lower East Side di Manhattan fanno i conti con una nuova bevanda, il Viper, mistura alcolica potentissima venduta ad un solo dollaro da Ed, il commerciante di liquori della zona. Ma dopo un sorso di Viper, le viscere dei malcapitati avventori si liquefanno, lasciando un grumo di budella, bile e colore. Il colore appunto; la forza di “Street Trash” è anche cromatica, una selvaggia e furibonda sessione di action painting, per raccontare senza compromessi la vita stradaiola e la condizione disperata di chi vede il mondo a partire dai margini.

Nessun pietismo, perché Muro e il produttore Roy Frumkes vanno dritti al punto senza manifestare alcuna simpatia per questi personaggi disperati e laidi. Il filtro sociologico avrebbe tolto al film tutta la forza che ancora conserva, nel dipingere un mondo predatorio e senza via d’uscita. L’umorismo grezzo e adatto alle esplosioni gore come sostituto del meccanismo slapstick, diventa la chiave di lettura principale per consentire l’elaborazione di una realtà indigeribile.
La relazione con il trash della Troma è allora solo apparente, ma non elettiva; Muro dimostra un mestiere superiore e un controllo sull’immagine che dimostrerà in futuro, quando abbandonerà la carriera come regista per diventare operatore in produzioni come “Terminator 2: Judgment Day”.
Elemento fondamentale per la riuscita del film è la scenografia di Robert Marcucci, che punta su ambientazioni reali e di strada, contribuendo a creare un’atmosfera sporca e squallida, capace da sola di generare profondo disagio. Un contrasto a tratti sorprendente tra un realismo sporco, molto vicino al cinema underground newyorchese e l’esplosione cromatica accesa sollecitata dalla fotografia di David Sperling e da tutta la combinazione tra make up, prostetica ed effettistica gore.

“Street Trash” 2 Blu Ray Midnight Classics, i contenuti Extra

L’edizione Midnight Classics è arricchita da un’ottima dotazione di contenuti speciali, a partire dai due commenti audio disponibili. Il primo con il produttore e sceneggiatore Roy Frumkes, autore tra le altre cose di un documentario su “Zombi” di George A. Romero. Nell’audio commento racconta il coinvolgimento nel film di Muro raccontando la scelta delle location, gli effetti speciali, l’ingaggio degli attori principali. Il secondo commento è curato dal regista Jim Muro che approfondisce alcuni aspetti tecnici e meno aneddotici rispetto al contributo di Frumkes, che da questo punto di vista risulta il più ricco e divertente dei due.
Tra i contenuti più importanti segnaliamo “The Meltdown Memories“, making of del film dalla durata di quasi 120 minuti, che occupa quindi due terzi delle tre ore complessive dedicate agli extra nella versione limited di “Street Trash”.
I contributi del making of, oltre a quelli di Frumkes e Muro, includono interviste al curatore degli effetti speciali Mike Lackey, al produttore Jim Marucci, all’art director Denise Labelle, agli attori Glenn Andreiev, Nicole Porter , Vic Noto.

Altra chicca il corto originale girato in 16 mm e intitolato “Street Trash” da cui ha avuto origine tutto il progetto. Un confronto interessante per capire che le idee in nuce c’erano già tutte, in modo contratto e lungo una durata di 15 minuti.

Oltre alla conversazione tra Frumkes e Tony Timpone, fondatore storico della rivista di cinema horror “Fangoria”, è presente anche un’intervista all’attrice Jane Arawaka, che nel film interpreta la malcapitata schiava sessuale del laido proprietario della discarica dove gravitano tutti gli homeless del film. Durante la sua testimonianza racconta l’esperienza con gli attori e documenta l’incredibile anarchia creativa che si respirava sul set.

L’edizione Midnight Classics contiene un booklet illustrato ricco di informazioni storiche e tecniche sul film e una cartolina da collezione, entrambi inclusi come oggetti autonomi rispetto alla confezione mediabook complessiva.

 

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Trieste Science+Fiction Festival, dal vivo e online

Il più importante festival italiano dedicato alla fantascienza, in programma dal 29 ottobre al 3 novembre dal vivo a Trieste, debutta per la prima volta anche online nella sala virtuale di MYmovies. La manifestazione triestina porta anche sul web il meglio della fantascienza 2020 con anteprime e prime visioni in esclusiva: una selezione composta da 19 film, documentari scientifici, una serie televisiva coreana

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

Lucca Film Festival 2020, Concorso cortometraggi: seconda giornata

Lontanissimo dal brutto instant cinema che circola in ogni dove, la seconda giornata di corti del Lucca Film Festival curati da Rachele Pollastrini è una riuscitissima combinazione di elementi e suggestioni che ruotano intorno all'idea di famiglia, osservata da polarità spesso opposte e contrastanti, ma intesa come luogo comune da cui partire per indagare la costruzione o la disgregazione del senso di appartenenza e di identità. 

ECONTENT AWARD 2015