Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Ariel Pink dal vivo Elita Design Festival Warm Up di Milano e al Locomotiv di Bologna 

Di

Quello che si presenta nel nuovo Pom pom è puro Ariel Pink, senza filtro. Attraverso i 17 brani dell’album e i suoi 69 minuti, Ariel gioca il ruolo di pifferaio magico dell’assurdo, raccontando storie d’amore, di morte, di principi ranocchio e di Jell-O, e confermandosi indiscusso re della pop perversion. Si passa da canzoni quasi demenziali a momenti più sereni e puramente pop, ma c’è posto anche per sfuriate punk ed esperimenti di dub psichedelico e carnevalesco. Il tutto unito dal solito, storico filo conduttore della sua carriera ormai pluridecennale: l’eclettismo.

Scritto e registrato con la collaborazione, fra gli altri, di Kim Fowley in fase di songwriting, l’album è già ampiamente candidato a divenire il culmine di una parabola artistica in decisa ascesa, che negli ultimi anni ha toccato una serie di vertici importanti, su tutti i recenti Before Today (2010) e Mature Themes (2012), che hanno finalmente donato una forma riconoscibile, un trademark al suo incontenibile istrionismo. Un’avventura, la sua, nata fra i nastri logori di cassette scambiate con gli amici e i vinili malandati dei genitori scoperti quasi per caso nella soffitta di casa: le basi da cui il giovane Ariel avrebbe iniziato a lavorare su una sfilza di canzoni, registrate in bassissima fedeltà nella cameretta di casa. Un hobby, una passione pronta a divenire fenomeno: il critico musicale Simon Reynolds avrebbe lodato, nel suo acclamato saggio Retromania, la sua capacità di preservare il passato, ma al solo scopo di rielaborarlo trasformandolo nel proprio, unico, inimitabile mezzo espressivo.

Milano e Bologna sono le città designate ad ospitare la parentesi italiana di quello che si preannuncia come uno dei suoi tour più esplosivi, forte di una scaletta che riunirà le glorie del passato – quello della Haunted Graffiti series e dei celebriWorn Copy e The Doldrums – con il suo recente ed eccezionale canzoniere. Tesori di una delle figure figure più enigmatiche e innovative del panorama underground degli anni Duemila, in perenne e precario equilibrio tra rock e pop, tra leggerezza e sperimentazione, tra maturazioni spesso annunciate e mille inguaribili e irrinunciabili ambiguità.

6 Marzo 2015 – MILANO / Elita Design Festival Warm Up @ tUNNEL
7 Marzo 2015 – BOLOGNA / Locomotiv Club

Ad aprire entrambe le date, un ospite d’eccezione, reduce dall’ultima edizione della Redbull Music Academy a Tokyo, Larry Gus: multi strumentista, cantante e produttore, le cui sonorita` sono ispirate oltre che dalle sue origine greche, dalla psichedelia, dal free jazz degli anni 70, frullati in un loop, campionamenti, campionamenti dove trovano terreno fertile le sue ossessioni: Jorge Luis Borges, Georges Perec, Lucio Battisti, Woody Allen e Otis Jackson Jr. Il risultato e` un lavoro intenso e contaminato.