sabato, Agosto 15, 2020
Home breakingnews Ones & Zeros di Saro Cosentino: la versione reloaded

Ones & Zeros di Saro Cosentino: la versione reloaded

“Ones & Zeros” è un album che Saro Cosentino ha pubblicato nel 1997 e che rivede la luce in versione reloaded con un brano inedito, Real Life, che fa in questo caso la funzione del singolo. Il musicista d’adozione Milanese pubblica “Ones & Zeros” in un momento prolifico della sua carriera dove alternava il lavoro di compositore a quello di produttore per numerosi artisti italiani (Battiato, Alice, Peter Gabriel, Morgan, Milva, Fossati, Peter Hammill e molti altri). Al disco parteciparono musicisti di altissimo livello come Peter Hammill, Tim Bowness dei no-man, Jakko Jakszyk (chitarrista dei Dizrhythmia , Level 42, King Crimson) e l’australiana Karen Eden.
La batteria era di Gavin Harrison (Porcupine Tree, King Crimson), con John Giblin (ex-membro dei Simple Minds e dei Brand-X che ha lavorato con John Martyn e Kate Bush) al basso, Trey Gunn (dei King Crimson) allo stick e l’amico David Rhodes (noto soprattutto per il lavoro al fianco di Peter Gabriel) alle chitarre; oltre a questo è importante citare Kudsi Erguner (che tra l’altro ha suonato con Jean-Michel Jarre) al flauto ney, il cantante Pandit Dinesh (dei Dizrhythmia, oltre che collaboratore di Sakamoto) e Shankar (che ha lavorato con Shakti, Gabriel, Bill Laswell e gli Epidemics) al doppio violino e voce, Cristiano Roversi allo stick. Saro Cosentino suonava tastiere e chitarre, oltre ad effettuare varie elaborazioni elettroniche.

L’album contiene sette brani, più uno strumentale che chiude il lavoro, come dice Cosentino stesso: “Nasce come disco di canzoni, molto contaminato, perché in qualche modo propone una forma canzone dall’asse un po’ obliquo. Non c’è la ricerca di sonorità a effetto. Tutti gli interventi dei musicisti provenienti dalle aree orientali del pianeta sono infatti funzionali ai brani e non c’è alcuna tentazione di realizzare suoni volutamente esotici: si tratta piuttosto di un’attrazione verso sonorità, scale e fraseggi tipici di culture modali [….] tutti i processi creativi hanno un andamento sinusoidale, c’è un’energia che cresce e si arriva a un picco. Quando raggiungi il picco, immediatamente comincia la discesa e poi il tutto si ripete. L’abilità sta nel fermarsi nel picco più alto».

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ECONTENT AWARD 2015

INDIE-EYE SHOWREEL

TOP NEWS

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

Duocane – Memorie dal Sottosuono, il videoclip di Stefano Capozzo

Memorie Dal Sottosuono, esempio combinatorio di videmaking. Il nuovo video dei Duocane

Aidan Knight – Veni Vidi Vici, il videoclip diretto da Ft. Langley: ode ai transgender e alle persone non-binarie

Ode ai transgender e a chi ha fatto scelte non binarie. Il nuovo singolo del canadese Aidan Knight è anche un video prodotto dalla premiatissima agenzia Ft. Langley