giovedì, Ottobre 29, 2020

2pigeons, l’intervista di indie-eye.it

In alcuni brani, per esempio “I-Land” o “Spiky” dal precedente EP, l’elettronica passa in secondo piano e assume un ruolo preponderante il pianoforte, facendo venire in mente per esempio i Dresden Dolls. Nel caso del duo guidato da Amanda Palmer si parlò di punk cabaret. È un termine che si può applicare anche a voi? C’è qualcosa di punk, inteso in senso lato, in ciò che fate?

C: sì, ci sta come definizione, più che come genere musicale come atteggiamento. Come atteggiamento nella scelta di come realizzi le cose dal vivo, di come stai sul palco e di come ti gestisci il fare musica. In questo senso ci possiamo definire punk, sono d’accordo.

K: anche il discorso sugli errori che facevamo prima rientra in questo. Entrambi, sia per esperienze precedenti che abbiamo fatto, sia per carattere, abbiamo questo modo di fare abbastanza punk, nel senso che facciamo quello che facciamo e va bene così. Non stiamo troppo a pensare che forse una cosa non la dovremmo fare o dovremmo farla in modo diverso. I due brani invece, diversamente dagli altri, sono stati fatti piano e voce perché abbiamo capito che c’era poco da aggiungere. Anche gli altri brani volendo potrebbero essere fatti così, ma abbiamo sentito l’esigenza di lavorarci di più.

C: esatto, funzionavano bene così. Ci sta di non snaturare degli aspetti pianistici, che appartengono a Kole, e vocali che appartengono a me. Si può fare senza problemi all’interno di un disco che contiene l’elettronica vista in altri aspetti. Ci piaceva tenere un aspetto diverso dagli altri, che comunque rappresenta qualcosa che ci appartiene.

K: in questi, come in tutti gli altri brani, il motivo di fondo è che funziona. Non ci siamo mai messi a pensare troppo se tenere qualcosa o scartare qualcos’altro perché magari era troppo in una direzione piuttosto che in un’altra. Se un pezzo nasce così, è giusto che rimanga tale.

Mi ha molto incuriosito l’uso che fate del sax, che va verso il free-jazz e rende ancor più selvaggio il sound, per esempio nel primo brano del disco, “Biko”. Come è nata l’idea di inserire anche quello strumento in quella composizione?

K: abbiamo registrato “Land” in un ovile riadattato ad abitazione, tra l’altro, da Michele Sambin, in Puglia. Michele è il regista di un teatro di ricerca di Padova e suona il sassofono. La sua compagnia si chiama TAM Teatro Musica, ho lavorato con loro molti anni e continuo tuttora a lavorarci. Eravamo a casa sua, stavamo registrando e a un certo punto abbiamo sentito che ci voleva il sax, Chiara ha detto “Qui ci va il sax”. C’era anche Michele e l’ha suonato, semplicemente. Anche in questo caso non c’è stato chissà cosa, non ci siamo messi a cercare un sassofonista; abbiamo provato a fare il brano così, a vedere che succedeva e ci è piaciuto.

Nei brani posti in chiusura del disco l’elettronica si fa meno spigolosa, facendo emergere atmosfere quasi-jazzate, specie in “You Don’t”. Avete voluto creare una specie di decompressione per chiudere il disco?

K: c’è una cosa da dire. I brani sul disco sono in ordine alfabetico; il computer ce li ha messi così e li abbiamo lasciati in quell’ordine.

C: sì, se si analizza la scaletta del cd si vede che sono messi così. In realtà ascoltando i brani non siamo riusciti a trovare una scaletta che fosse migliore di quella che casualmente il computer aveva stabilito. Abbiamo quindi deciso che andava bene così. Se questi brani sono capitati alla fine del disco e hanno involontariamente assunto questa funzione, ben venga. Ci piaceva l’atmosfera che si creava alla fine del disco con questi due brani, per cui li abbiamo mantenuti lì.

K: sì, inoltre c’è questo coro, composte da alcune nostre amiche, anche loro finite quasi per caso nella canzone, che sembra portare via e concludere tutto quanto.

Abbiamo citato la voce di Chiara. Da dove arriva questa tua vocalità così particolare? Ci sono modelli a cui ti sei ispirata?

C: io ho i miei ascolti, che non sono nemmeno così particolari, nel senso che ovviamente nel mio background, come si sarà sentito, ci sono riferimenti come Tori Amos, Ani Di Franco o anche Bjork. Non mi piace troppo citare questi nomi perché non mi piace essere immediatamente associata a queste cose, anche se non posso negare che siano nei miei ascolti. Vengo da una band rock che aveva un suono un po’ più “incazzato” e mi sono formata con loro. Quindi è un insieme di tutte queste influenze che ho avuto, ma in realtà ho ascoltato di tutto. L’altro giorno mi ha colpito particolarmente una ragazza che si ricordava che le avevo parlato dei Led Zeppelin, oppure posso dire che Michael Jackson è stato il mio primo cantante preferito. Quindi è molto vasto il mio ascolto, in quello che faccio ognuno ci ritrova generi e cantanti diversi, non saprei dire chi o che cosa mi ha colpito di più.

K: quando ha cantato i brani Chiara non è andata a cercare di cantare in un certo modo, seguendo un certo esempio. Essendo in due, i brani necessitavano di essere fatti in modo diverso uno dall’altro, uno di andare da una parte, l’altro dall’altra. Così sono venuti fuori tutti i suoi background.

C: esattamente, in questo modo è venuto fuori che tra un pezzo e l’altro ci sono delle sfumature diverse. C’è il brano con un’impronta più soul, il brano in cui sono stata associata a PJ Harvey oppure a Tomi Amos o anche ad Annie Lennox. Quest’ultimo accostamento mi è piaciuto molto, lei ha davvero una voce bellissima.

Le vostre esibizioni dal vivo sono descritte sempre in maniera entusiastica. Cosa ci mettete per renderle uniche e memorabili?

C: ci mettiamo noi, noi stessi sul palco.

K: si percepisce di più come funziona, meglio che su disco. Come dicevo prima, se uno ascolta un disco non si interessa a quanti stiano suonando, ed è anche giusto così. Nel nostro caso invece dal vivo uno vede quello che succede, come Chiara campiona se stessa in tempo reale, come ci incastriamo con le cose. Poi improvvisiamo anche, ci sono momenti di improvvisazione, che in un progetto elettronico è una cosa difficile da trovare e che siamo contenti di riuscire a fare. Dà anche una sensazione del tipo “chissà cosa può succedere”.

C: questo riporta ciò che facciamo più vicino al pubblico e a chi ci guarda; crea una relazione più diretta, perché il pubblico ci guarda, vede quello che stiamo facendo e c’è un’interazione diversa, anche nella costruzione di quello che poi stanno ascoltando.

K: per esempio c’è un brano in cui lei campiona se stessa, sia quello che canta, per creare una specie di base, sia mentre batte le mani. Capita a volte che pure il pubblico comincia a battere le mani, però quello che fa Chiara è una cosa relativamente complicata, non è che quelle mani vengono battute così a caso.

C: sì, il tempo a cui batto le mani io so qual è, ma il pubblico ne sente un altro, per cui c’è questo coinvolgimento mentre sto cercando di fare un loop con un tempo non semplicissimo.

K: la speranza in quel caso è che non ci sia troppo casino, perché poi ciò che ha campionato rimane sempre uguale per tutto il brano. Capita così di avere degli elementi fuori tempo o che non c’entrano nulla. Ma alla fine va bene, ci sta di non prendere il loop giusto o che siano entrati rumori dalla gente lì davanti.

C: in definitiva, nei nostri live c’è un margine di rischio che è esattamente ciò che rende il concerto diverso tutte le volte

Qualche mese fa avete musicato assieme a Roy Paci e JiAndri “City Lights” di Charlie Chaplin. Com’è nata questa collaborazione e com’è stato confrontarsi con la sonorizzazione di un classico del cinema?

C: già ciò che abbiamo fatto nel primo EP è stato descritto da più persone come associabile a delle immagini. Dopodiché c’è stato l’incontro con JiAndri, che ci ha proposto questa cosa; cercava infatti un pianista ed una voce per completare quest’opera. Ci siamo messi a fare questa cosa avendo già l’esperienza dei 2Pigeons e una certa familiarità con questo tipo di approccio; infatti abbiamo usato un metodo molto simile a quello che già usiamo per scrivere i nostri pezzi, in questo caso per fare una specie di orchestrina live a supporto delle immagini del film.

Come evolverà il progetto 2pigeons? Avete già idee o per ora vi concentrate sulla promozione di “Land”?

C: l’anno è partito molto bene; il disco è appena uscito e già c’è un riscontro molto positivo sia da parte della critica, con molte recensioni positive, sia del pubblico. Abbiamo appena iniziato a portare in giro il disco e a presentarlo; la risposta è positiva, quindi cercheremo di suonare tanto, anche perché, come abbiamo detto, il live è il luogo in cui noi ci esprimiamo meglio. Speriamo che si porti sempre più attenzione su quello che stiamo facendo e che ci sia una crescita in questo senso. Il disco è appena uscito, probabilmente scriveremo ancora, ma per ora ci concentriamo su “Land”.

Fabio Pozzi
Fabio Pozzi
Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

The Chemical Brothers – Setting Sun, il video ufficiale di Dom & Nic

La visione delle emergenti nuove tecnologie, lo sdoppiamento mente corpo, nuove capacità aumentate direttamente dal dancefloor. Setting Sun, uno dei video storici di Dom & Nic per The Chemical Brothers

Okenyo – Utopia – il videoclip di Kerinne Jenkins

"Utopia", il nuovo video di Okenyo girato da Kerinne Jenkins fa fede al titolo, cercando il significato più puro del termine in quei momenti di scambio affettivo tra le persone che hanno un legame profondo

Sufjan Stevens & Ezra Hurwitz: i video di “Sugar” e “Inside & Outwards”

A pochi giorni di distanza da "Inside & Outwards", il corto di Hurwitz sul disagio mentale visto attraverso il lockdown con le musiche di Sufjan Stevens e la voce di Sarah Jessica Parker, ecco il video di "Sugar"

Califone – il video di “Movie Music Kills a Kiss” diretto da Tim Rutili

Movie Music Kills a Kiss è il nuovo video di Califone interpretato da Angela Bettis

Monica P – Labbra rosse, il videoclip di Elena Spada in anteprima esclusiva

Il terzo album di Monica P si intitola "Rosso che non vedi". Il suo nuovo singolo, "Labbra rosse". Per l'occasione, la talentuosa cantautrice torinese ha collaborato per la seconda volta con l'art director regista Elena Spada. Un video scarlatto in anteprima esclusiva su indie-eye VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015