mercoledì, Maggio 22, 2024

Da Lata: Fabiola l’album atteso da dieci anni

Un nome portoghese nasconde le origini londinesi di Chris Franck e Patrick Forge, cui si deve la fondazione del gruppo nel 1994. Il 2010 segna per Forge e Franck la chiusura di due rapporti importanti: quello col Giappone per il primo e con la relazione con la musicista Nina Miranda per il secondo (si ricorderà il successo dei due con Mr. Gorgeus sotto il nome di Smoke City).  Dopo una pausa di circa dieci anni dall’ultimo lavoro, Serious, Franck e Forge si sono ritrovati in studio per predisporre le basi di Fabiola, quarto album uscito per la Agogo Records.

Un disco dall’incarnato scuro che si muove su un’asse geografico spostato nel sud del mondo, lungo un parallelo che collega l’Africa al Brasile senza risparmiare frequenti furti alla cultura hip-hop e  al funk. Un melting pot languido e suadente dove la bossa nova incontra i ritmi afro, il funk e la schizofrenia dell’elettronica. Le dieci tracce offrono un percorso ricco e sontuoso, farcito, anche troppo, di sensazioni e stimoli. Un amor a mais avvia le danze sulle frequenze di un groove elettronico infarcito di richiami all’afro music, per poi passare alle pulsazioni mid-tempo alla Morcheeba in NJY, la sensualità alla Barry White in Monkeys and Anvils fino al trombone vibrante di Dennis Rollins in Places We Go. Global beat e world music raggiungo qui dei livelli di espressione altissimi fino a tanto da sovrapporre lo sciabordio delle maracas ad una fisa dai tratti balcanici (The Shore) subito dopo aver chiuso sui ritmi Samba di Deixa.

A dispetto del nome, non è la latta a forgiare i cuori di Da Lata ma le voci e le sensazioni del sud del mondo. Fabiola forgia stili differenti restituendo un risultato omogeneo e fluido. La macchina funziona ed è ripartita, nonostante la sosta sia durata oltre ogni immaginabile aspettativa.

[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/tracks/114533801″ params=”color=ff6600&auto_play=false&show_artwork=true” width=”100%” height=”166″ iframe=”true” /]

Giulia Bertuzzi
Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img