giovedì, Febbraio 29, 2024

Dylan Henner, musica in cerca di senso: dal vivo a Firenze l’innovativo musicista ambient

Dylan Henner, straordinario musicista ambient, domani 30 novembre 2023 porta a Firenze la sua musica. Il contenitore è quello di Hand Signed, ideato e promosso da OOH-sounds , NUB Project Space e Musicus Concentus, il musicista inglese proporrà in Sala Vanni i suoni di "The Invention of the Human" e del recente "You Always Will Be", esperienze di soglia ludiche e immerse nel mondo, dalla manipolazione della voce umana ai suoni che ci circondano in un intero ciclo vitale. Tutti i dettagli e le informazioni di prevendita.

Dylan Henner è tornato in tempi recenti a collaborare con la AD 93 di Nic Tasker. Dopo l’acclamato The Invention of the Human, lavoro che si interrogava in modo empirico sulle sollecitazioni postumaniste nel passaggio continuo tra organico e inorganico, ha spinto oltre la sua ricerca per indagare altre soglie con You Always Will Be, uscito durante il 2022.

Dylan Henner, Exton – video ufficiale tratto dall’EP Amtracks, pubblicato nel 2021 dalla Spirituals

Se nel primo lavoro del musicista attivo in Inghilterra, la voce umana era al centro di successive manipolazioni che confondevano percettivamente la relazione tra sorgente e risultato, il secondo affronta un tema di transito per eccellenza, come quello della morte, raccontandoci un’esperienza nel suo farsi e seguendo l’arco vitale di un individuo, dalla nascita alla scomparsa.

Dylan Henner -The Peach Tree Next Door Grew over our Fence – tratto da The Invention of the Human – (2020, AD 93)

Ispirato da due eventi palindromi legati alla morte dei suoi nonni e alla nascita quasi immediata dei figli, Henner trascende la dimensione personale con una commistione tra acustico ed elettronico, processando strumenti tradizionali e sintetizzandone l’aura, come aveva fatto con la voce per il precedente lavoro. Nel progredire verso la trasformazione estrema, racconta quindi una storia di luce, che sfrutta l’azione della memoria per recuperare sensorialmente le tappe di un viaggio ancestrale, senza escludere il panico, la paura e l’orrore della dissoluzione, ma allo stesso tempo spingendoci a ristabilire quelle connessioni necessarie e tangibili in una fase di inquietanti smaterializzazioni relazionali.

Costituito da un solo brano di 40 minuti, rilegge e reinterpreta l’universo ambient con i frammenti materiali e audiovisuali che si riferiscono alla produzione domestica della famiglia di Henner, scansionando ulteriormente la durata con una serie di titoli che nello svolgimento, rappresentano le tappe di una singola vita che tende all’osservazione universale, dall’infanzia fino alla fine.
A chi gli ha chiesto cosa dovrebbero aspettarsi i suoi ascoltatori, Henner ha risposto: “Musica in cerca di senso“.

Dylan Henner, These Photos of My Children Make Me Want To Climb Into the Frame – tratto dall’album You Always Will be (2022 Ad 93)

Se allora la domanda sottesa da Invention of the Human era il quesito principale di tutta la cyberculturra, ovvero cosa ci rende umani, il nuovo lavoro si spinge oltre, sondando i confini estremi della vita, sin dalle sue origini.

In termini pratici, la musica di Henner mette insieme la pratica del field recording in loco, con la ricerca di numerosi suoni continentali, l’ascolto del suono nello spazio in cui si manifesta, a partire da tutto ciò che definiamo come “natura”, l’amore per la musica corale e per il minimalismo delle origini, quello di Terry Riley per intenderci. Tutto è musica nell’elettronica non riconciliata di Henner, dai modelli linguistici, all’interconnessione ritmica che si verifica tra umano, natura e non umano. Respiri, battiti cardiaci, suoni della tecnologia e del tempo.

Vederlo dal vivo è assistere alla costruzione di un mondo sonoro che supera la dimensione sintetica della musica ambient, attraverso la proposta di un vero e proprio gioco tra materia e memoria.

Giovedi 30 Novembre 2023, Hand Signed, la rassegna di musica ad alto livello qualitativo proposta da OOH-sounds , NUB Project Space e Musicus Concentus, porta la musica dal vivo di Dylan Henner in Sala Vanni a Firenze. Un evento da non perdere, nella cornice straordinaria di uno spazio immerso nella storia della città, in Piazza del Carmine 14.
L’inizio del concerto è previsto per le 21:15 e il biglietto costa 13 € + Diritti di prevendita (sul sito www.musicusconcentus.com) oppure 20 € alla porta, se ovviamente i biglietti saranno ancora disponibili.

In apertura il live “Non rimborsabile vale una corsa” di Jacopo Buono. La ripetizione come atto deciso, noioso e angosciante, quasi come gesto autistico e morboso, è sempre stata tracciata come una delle parti che hanno contraddistinto il minimalismo, in tutte le sue diverse forme. Da qualche tempo Jacopo Buono ha iniziato ad esplorare questo tipo di attività attraverso l’azione corporea, non intesa come performance, ma più come azione anti-quotidiana di un corpo che svolge delle attività, a volte sintetizzate in un’azione singola ripetuta, altre come un susseguirsi di evocazioni visive. Dopo aver iniziato questo percorso con il collettivo PHASE, ha continuato individualmente cercando però una relazione con varie figure esterne, provando a costruire un’alternanza a volte incomprensibile.

Le attività del Musicus Concentus nell’ambito di Tradizione in Movimento sono realizzate con il contributo di: Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze, Fondazione CR Firenze.

[ Foto stampa e comunicazione, Ufficio Stampa Lorenzo Migno ]

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker, un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana e un Critico Cinematografico iscritto a SNCCI. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip e del mondo Podcast, che ha affrontato in varie forme e format. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img