martedì, Aprile 13, 2021

I Suburbani – memorie sonore dal sottosuolo: Dio Drone

Da qualche anno a questa parte i neri liquami che scorrevano nel sottobosco fiorentino hanno rotto gli argini, tracimando in superficie e sommergendo la culla del rinascimento sotto un’ondata di sangue e merda.

L’entità nota come Dio Drone, fin dal 2013, ha raccolto intorno a se alcuni dei progetti più estremi dell’underground cittadino, imponendosi nell’arco di brevissimo tempo come una delle realtà di settore più solide e interessanti, anche a livello nazionale. Un’etica DIY e uno stacanovismo degni della SST dei tempi d’oro, nonché la capacità di riportare l’espressione “musica indipendente” al suo significato originario – una caratteristica che pone l’etichetta di Firenze in netta contrapposizione rispetto a una scena che, spesso e volentieri, si limita a ricalcare in piccolo dinamiche proprie del mainstream –  sono le qualità di Dio Drone che hanno maggiormente stimolato la nostra curiosità.

Per questa ragione abbiamo deciso di dedicargli i primi due episodi de “I Suburbani”, rubrica che si occuperà di scandagliare le musiche più lerce, recalcitranti e improponibili con cui ci capiterà di avere a che fare.

Da questa parte:

Bad Girl racconta Cosmi, live @ Centro Pecci, Prato – I Suburbani #1

Dio Drone Festival VI report – I Suburbani #2

Federico Fragasso
Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img