sabato, Maggio 18, 2024

Il videoclip IA di King/Colker, uno dei primi esperimenti: moment

Leggiamo spesso: questo è il primo videoclip realizzato in IA. Serve a raccattare lettori, creare hype e rilanciare il falso ogni volta. Come facciamo spesso su Indie-eye, torniamo indietro per osservare con attenzione la trasformazione di alcuni processi. Nel 2022 King/Colter forzavano l'OpenAI DALL-E-2 a generare 200 immagini per produrre un videoclip a costo zero.

Nel grande e disordinato calderone di informazioni che si muovono intorno al territorio IA, non cambia la morfologia stessa delle notizie, concepite per sollecitare forme di clickbait ormai diffuse e conosciute, intorno a determinate parole chiave. Ogni giorno qualcuno rivendica primati creativi specifici in relazione all’impiego di piattaforme di Deep Learning per inventare nuovi spazi creativi o per lo più, per illuderci di averli inventati. I media sono centrali nella creazione di notizie stupide, inesatte, parziali, anti specifiche, per un pubblico che diventi progressivamente meno reattivo. Probabilmente è il volto negativo di un’automazione che è già lo stato dell’arte per quanto riguarda i contenuti adattati ad algoritmi, morfologia SEO, social media marketing.

Quello del videoclip, territorio di convergenza sottoposto a numerose ibridazioni sin dalle sue lontane origini legate alla dimensione promozionale della musica, si rivelerebbe come uno dei più stimolanti se si affrontasse con modalità meno sensazionalistiche. In tal senso, le prime sperimentazioni risalgono ad alcuni anni fa, non a ieri l’altro come ci è capitato di leggere in alcuni contesti, soprattutto se riferiti alla micro-bolla italiana.

Mentre Berlin Music Awards, la prestigiosa manifestazione europea legata ai video musicali di cui indie-eye è media partner, allestisce un workshop interessante su IA e sul possibile impatto che potrebbe avere nel mondo della produzione videomusicale, proliferano articoli di scarso interesse legati per lo più alle modalità con cui cui utilizziamo app e dispositivi ogni giorno, come fossero una clava, poco importa se sia Tiktok o un chatbot GPT con cui ci confrontiamo per gioco e sollecitando forme di interazione ancora tribali, narcisistiche ed egoriferite.

Uno dei primi esperimenti che hanno sfruttato IA per la produzione di un videoclip risale al 2022. Un tentativo laboratoriale introdotto da un “insider” dell’Allen Institute per l’Intelligenza Artificiale che a tempo perso fa anche il musicista. Sarà una costante fino ad oggi, quella di sviluppare esperimenti “in vitro”, tranne rarissime eccezioni, fuori dal flusso creativo tra musicisti e team creativi che producono immagini. King/Colker è infatti il progetto di Jacob Colker condiviso insieme a Nick King, filmaker losangelino. Insieme hanno prodotto alcuni brani in remoto, capitalizzando una prassi diventata consuetudine durante gli anni della pandemia, nel bene e nel male.

Il duo, ha creato un video sul brano “Moment” a partire da una versione beta di DALL-E 2, capitalizzando in poco tempo centinaia di migliaia di visite su youTube. In quel caso si è sfruttata l’interfaccia testuale della release OpenAI per definire a poco a poco delle immagini di qualità simil-pittorica, improvvisando un ruolo che sarà determinato di li a poco dai cosiddetti prompt artist.

Il duo ha generato più di 200 immagini, rimesse insieme con un montaggio essenziale che non è molto diverso da una slide show movimentata con i panning del Ken Burns Effect. In questo caso è un vero e proprio storyboard riprodotto in successione, nulla di più. L’IA rimane quindi ancora sullo sfondo rispetto ad una serie di progetti a venire, perché viene sfruttata per generare il materiale, organizzato in una fase successiva secondo una serie di principi ritmico-narrativi basilari, fuori dalle intenzioni e dalle capacità della stessa DALL-E-2.

Per il duo si è trattato di un divertissment messo in piedi per ragioni di budget, un gioco a costo zero. Una delle tentazioni attuali più forti per sostituire i costi di una crew con i processi di apprendimento e creazione di un’IA.

Moment, il videoclip di King/Colker creato con IA DALL-E-2

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker, un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana e un Critico Cinematografico iscritto a SNCCI. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip e del mondo Podcast, che ha affrontato in varie forme e format. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

IN SINTESI

Leggiamo spesso: questo è il primo videoclip realizzato in IA. Serve a raccattare lettori, creare hype e rilanciare il falso ogni volta. Come facciamo spesso su Indie-eye, torniamo indietro per osservare con attenzione la trasformazione di alcuni processi. Nel 2022 King/Colter forzavano l'OpenAI DALL-E-2 a generare 200 immagini per produrre un videoclip a costo zero.

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img
Leggiamo spesso: questo è il primo videoclip realizzato in IA. Serve a raccattare lettori, creare hype e rilanciare il falso ogni volta. Come facciamo spesso su Indie-eye, torniamo indietro per osservare con attenzione la trasformazione di alcuni processi. Nel 2022 King/Colter forzavano l'OpenAI DALL-E-2 a generare 200 immagini per produrre un videoclip a costo zero. Il videoclip IA di King/Colker, uno dei primi esperimenti: moment