mercoledì, Dicembre 2, 2020

Ivan Piepoli – Don’t Take me home, il videoclip di Antonio Stea

Antonio Stea continua a proporre il suo magico mondo in stop motion. Cupo, ma alla ricerca della luce. Il video di Don't take me home per Ivan Piepoli e l'intervista al regista

Ivan Piepoli anticipa il suo debutto sulla lunga distanza con il singolo di “Don’t take me home“, primo estratto da “The Kingdom of the Embalmed Bugs”, prodotto da Marc Urselli e suonato dallo stesso Piepoli insieme a Francesco Cianciola e Adriano Segreto.
Il videoclip è stato realizzato da Antonio Stea, telentuoso videomaker di cui abbiamo parlato più volte, in particolare per il lavoro fatto con i Violent Scenes (Grim July, Nope Face) e per la collaborazione con il Mundi Festival.

Stea ha scritto la sceneggiatura di “Don’t Take me home” insieme ad Anna Squicciarini e si è nuovamente affidato allo stop motion, dopo “Nope Face” ed altri esperimenti.

Lo abbiamo intervistato per conoscere da vicino il processo di realizzazione di “Don’t Take me home”, esempio di un artigianato fiero, consapevole e ad alto potenziale creativo.

Antonio Stea, l’intervista su “Don’t take me home”

Come hai cominciato a collaborare con Ivan Piepoli?

La mia collaborazione con Ivan Piepoli nasce con la realizzazione del videoclip “Bored” dei Comfy Pigs, il suo progetto parallelo. Siamo entrati subito in sintonia e non vedeva l’ora di commissionarmi anche il videoclip di uscita del suo nuovo singolo ”Don’t take me home”.

Nel video c’è come una continuity narrativa con altri tuoi lavori, dove il personaggio di questo uomo/pupazzo solitario sembra percorrere un viaggio quasi metanarrativo. è questa la tua intenzione?

Sì, c’è continuità tra i miei lavori. La cerco proprio per ricreare un unico immaginario in cui il mondo resta sempre lo stesso ed al suo interno i protagonisti si raccontano mostrando un lato oscuro, solitario e recondito del loro animo.

Hai lavorato con svariate tecniche, formati, ma ultimamente l’animazione sembra al centro dei tuoi interessi principali, come mai?

La bellezza dell’animazione sta nel portare nel mondo reale tutte le immagini che ho in testa. Tutto il processo, dalla costruzione degli scenari, le ambientazioni, la creazione dei personaggi e gli oggetti di scena, è quello che più amo in quanto mi permette di dare una forma all’irreale, poi mi appassiona scoprire e affinare nuove tecniche.
Questi sono i motivi per cui prediligo l’animazione.

Ci racconti il modo in cui hai allestito il set per l’animazione e le tecniche che hai utilizzato, oltre a quelle più specifiche dello stop motion?

Innanzitutto ho iniziato con la costruzione del personaggio creando uno scheletro con il filo di alluminio e dando vita poi al volto e ai suoi tratti. Dopo di ché ho realizzato l’automobile con cartone e polistirolo. Gli interni sono stati costruiti con cartone pressato e tutti gli elementi di scena con cartone e materiali da recupero. Le sequenze della macchina sono state realizzate utilizzando dei video proiettati da un computer come sfondo per l’inquadratura, per dare l’idea della vettura in movimento, mentre sul personaggio ho simulato con una torcia i fari delle altre auto che si stagliano su di lui.

Alcune immagini sono live action, come le sequenze notturne in soggettiva di viaggio sulla strada?

Sì, le immagini in soggettiva sono in live-action, l’obiettivo era quello di poter dare una via d’uscita al personaggio, anziché chiuderlo in quelle pareti e contenitori fittizi. Aprire la strada per la sua liberazione, il distaccarsi da quel mondo artefatto che lo rende schiavo e vittima del sistema.

Come stai affrontando il tuo lavoro di videomaker in questi mesi terribili, in cui i lavoratori dello spettacolo devono subire un doppio giogo: quello di una brutta pandemia e quello di una classe politica impreparata, rispetto ad altri paesi europei, a dialogare con chi si occupa di cultura e spettacolo?

Quest’atmosfera è pesante per molte categorie, chi opera nel settore dello spettacolo purtroppo soffre più degli altri questo blocco, ma non bisogna demoralizzarsi.
Nel mio piccolo mondo cerco di guardare avanti con ottimismo, in modo da ottenere spirito e forza per continuare a creare e a far vivere la mia fantasia

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

Regia
Animazione
Sceneggiatura

IN SINTESI

Antonio Stea continua a proporre il suo magico mondo in stop motion. Cupo, ma alla ricerca della luce. Il video di "Don't take me home" per Ivan Piepoli e l'intervista al regista

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

La Band del Brasiliano, il nuovo album e il video de La Donna dei Miei Guai

Esce per la storica Cinedelic il nuovo album de "La Band del Brasiliano", brani inediti, alcune reinterpretazioni e un videoclip...

The Star Pillow – il video di Livorno

Livorno, uno dei video di Roberto Beani realizzato per The Star Pillow

Porter Robinson – Lionhearted: il video diretto da Jodeb

Splendido video realizzato da Jodeb per il nuovo singolo di Porter Robinson

Gustaf Holtenäs – tra scienza e animazione: l’intervista

Gustaf Holtenäs ha recentemente realizzato uno dei videoclip d'animazione più belli dell'anno per l'imminente album di Jenny Wilson, intitolato "Exorcism". Il video di RAPIN* racconta la terribile esperienza di uno stupro, lo stesso subito dalla Wilson, con l'apertura di una fiaba e l'improvviso precipitare nell'incubo. Abbiamo raggiunto Holtenäs per farci raccontare le sue scelte e il suo straordinario lavoro come animatore e artista visuale

Ben Kitnick – tra estasi e dolore: l’intervista al regista di Heaven dei “Pure X”

Ben Kitnick ha 21 anni ma ha le idee chiarissime; il filmaker originario dell'Arizona ha recentemente realizzato uno dei video più originali e potenti in circolazione, "Heaven" per i Pure X. Lo abbiamo cercato e intervistato, per parlare di video musicali e documentari, di estasi, purezza e sadomasochismo, del più vecchio rapper gay Canadese e della Body art estrema di Corey Busboom

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015