domenica, Settembre 19, 2021

Kidnap “Silence”. Isolamento e solitudine nel video di Iain Simpson, dalla parte dei folli

Estasi oppure oblio? Follia o libertà? Il nuovo video di Iain Simpson per Kidnap

Forse ne abbiamo già abbastanza, ma la forza di “Silence” risiede nella sua aderenza al corpo per sondare i limiti della psiche. Non sono immagini senza speranza quelle dirette da Iain Simpson, perché nello stesso modo in cui ha filmato il Malawi per Saronde, immergendosi nella fisicità gestuale del suono, si avvicina alla disperazione di quest’uomo, perso per le strade di una Glasgow notturna e senza alcun segno di vita. Senza frapporre uno sguardo giudicante, cerca di allinearsi, per quanto possibile, al livello dell’esperienza.
Non è un’immagine nuova come non è nuovo ciò che stiamo vivendo, ma è precisa, nella definizione della follia come punto di confine estremo tra la costrizione e la perdita dell’io cosciente.
Filmato in un bianconero 16mm rilegge la perdita di coordinate percettive che anima molti video legati alla cultura club. Estasi oppure oblio? Follia o libertà?

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

Voto

IN SINTESI

Estasi oppure oblio? Follia o libertà? Il nuovo video di Iain Simpson per Kidnap

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img