lunedì, Ottobre 25, 2021

Kill Your Boyfriend – Jean: il videoclip di Simone Pellegrini

L’ambiguità dei personaggi, la tensione sessuale morbosa tra le ragazze e gli ambienti lynchiani sono i pilastri di un mondo dark, perfettamente in linea con il lavoro del regista e della band di ispirazione post-punk. Jean, il video di Simone Pellegrini per Kill Your Boyfriend

I flash della macchina fotografica ritagliano nell’oscurità le scene di uno shooting fotografico inquietante e stralunato alla The Neon Demon (2016) di Nicolas Winding Refn, thriller sull’inferno del mondo della moda e a guardar bene, sull’invidia umana.

Killadelica, il quarto album della band veneta di Matteo Scarpa e Antonio Angeli, condivide con il film di Refn il tema della crudeltà femminile. Ognuna delle 11 tracce porta un nome di donna, come ad esempio Jean, e ribalta il tragico stereotipo della donna-vittima, attribuendole sfumature nuove.

Il videoclip sembra ispirarsi al film anche per l’atmosfera ipnotizzante e luciferina, ottenuta grazie al gioco di luci stroboscopiche, combinate con il rosso e il verde; i colori che nel nostro immaginario sono associati al male. La scelta dei colori crea significati anche nei look delle tre modelle: una è vestita di bianco, la seconda di nero e la terza indossa una pelliccia bianca e nera, come a stabilire da subito il loro legame.

Accomunate dalla bellezza minacciosa e ambigua, nel finale le tre donne si coalizzeranno per rivoltarsi contro il fotografo, prendendo alla lettera il nome della band: Kill Your Boyfriend.

Le immagini del regista Simone Pellegrini, che non a caso tra i suoi lavori annovera molti fashion film, combinate con il suono martellante e le parole indistinguibili, generano un effetto di violenza che stimola nello spettatore attrazione e repulsione al tempo stesso.

L’ambiguità dei personaggi, la tensione sessuale morbosa tra le ragazze e gli ambienti lynchiani sono i pilastri di un mondo dark, perfettamente in linea con il lavoro del regista e della band di ispirazione post-punk, che con Killadelica ha riconfermato la sua originalità.

Vernante Amarilla Pallotti
Il nome Vernante deriva dal latino e significa colei che porta la primavera. Alla primavera si ispira la sua creatività, basata su amore, giovinezza e vitalità. Laureata in Sceneggiatura e Scrittura per l'audiovisivo alla Civica Scuola di Cinema "Luchino Visconti" di Milano, è regista, autrice e sceneggiatrice. Ha lavorato anche come showrunner per le Serie tv RAI GULP Animal House, T-Rex Digimation. Per indie-eye scrive di video musicali

ARTICOLI SIMILI

Concept
Regia
Fotografia

IN SINTESI

L’ambiguità dei personaggi, la tensione sessuale morbosa tra le ragazze e gli ambienti lynchiani sono i pilastri di un mondo dark, perfettamente in linea con il lavoro del regista e della band di ispirazione post-punk

Regia: Simone Pellegrini
Luci: Giorgio Lattanzi
Montaggio: Simone Pellegrini
Colore: Giorgio Lattanzi
Designer/Style : Sarah Regensburger
Mua: Chantal Amari
Hair Stylist: Masayoshi Fujita
Modelle: Aneta Kocisova / Dorotea Ramos / Neema Kaytesi
Equipment: Yellow Cactus

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img