mercoledì, Settembre 28, 2022

Margaret Dollrod – Al di la, il videoclip della sacerdotessa garage rock

Chi ha avuto la fortuna di vedere The Demolition Doll Rods dal vivo, non può dimenticarlo. Nudi, sfrontati e capaci di riproporre la vitalità di uno strip club di Detroit attraversato dall'elettricità del rock primitivo, sono diventati una vera e propria cult band durante gli anni novanta. Tra un nuovo album e progetti solisti, sbuca il videoclip di una supersexy Margaret Dollrod. Ballad tra delirio e sogno cantata interamente in un italiano "outer limits": Al di la. Lode a Margaret

Dal 1994 al 2007 Margaret Dollrod ha guidato con ostinazione The Demolition Doll Rods, un trio incendiario tra garage, noise e rock’n’roll primitivo condiviso insieme alla sorella Christine, che dietro le pelli assume il nome di Thumpurr, e il chitarrista-cantante Danny Kroha. Selvaggi, divertenti e sfrontati, portavano sul palco una delle esperienze live più vitali degli anni novanta, tanto da aver suonato con artisti come Iggy Pop, Cramps e John Spencer. Li ho visti dal vivo proprio come opening act per i Blues Explosion nel 1996 e sono stato travolto dall’erotismo gioioso del loro set, sporco ed elettrico come il miglior rock di Detroit.

Nel 2020, dopo circa quattordici anni di assenza, sono tornati con un nuovo full lenght intitolato “into the brave” e pubblicato per la storica In The Red. Nel frattempo, Dave ha collaborato con il mitico Mick Collins (The Gories, The Dirtbombs), musicista di culto per la città di Detroit, ha pubblicato nel 2021 un disco solista di traditional Detroit Blues, mentre Margaret aveva già avviato l’avventura psych garage con le Heartthrob Chassis, all female band sotto contratto con la Milan Records, per la serie curata da Nicolas Winding Refn insieme all’etichetta specializzata principalmente nella pubblicazione di colonne sonore.

Tra questo fermento, sbuca a fine 2021 su Youtube un videoclip a nome Margaret Dollrod che al momento non sembra legato ad un progetto solista definito, ma che sorprende per la consueta libertà ludica e vitale con cui l’artista statunitense si dedica da sempre ai suoi progetti.

Al di la è una ballad cantata in Italiano, con liriche visionarie e deraglianti, anche dal punto di vista metrico e concettuale. Cerca infatti un avvitamento continuo tra parole, allusioni e significati sfuggenti, vicini a quell’idea “outer” che caratterizza tutta la letteratura musicale Psych. Il video, girato e diretto dalla fotografa romana Francesca Pascarelli insieme a Panta, è tutto concentrato sul corpo statuario della sacerdotessa garage, mentre suona la chitarra in riva al mare e gioca con alcuni giocattoli da spiaggia. Finale flamenco con le ballerine della scuola Cosiarte.
Una bizzarra escursione tutta Italiana per Margaret; vorremmo andare con lei nella sua nave spaziale, viaggiando Al di la.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

Voto

IN SINTESI

Chi ha avuto la fortuna di vedere The Demolition Doll Rods dal vivo, non può dimenticarlo. Nudi, sfrontati e capaci di riproporre la vitalità di uno strip club di Detroit attraversato dall'elettricità del rock primitivo, sono diventati una vera e propria cult band durante gli anni novanta. Tra un nuovo album e progetti solisti, sbuca il videoclip di una supersexy Margaret Dollrod. Ballad tra delirio e sogno cantata interamente in un italiano "outer limits": Al di la. Lode a Margaret

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img
Margaret Dollrod - Al di la, il videoclip della sacerdotessa garage rockChi ha avuto la fortuna di vedere The Demolition Doll Rods dal vivo, non può dimenticarlo. Nudi, sfrontati e capaci di riproporre la vitalità di uno strip club di Detroit attraversato dall'elettricità del rock primitivo, sono diventati una vera e propria cult band durante gli anni novanta. Tra un nuovo album e progetti solisti, sbuca il videoclip di una supersexy Margaret Dollrod. Ballad tra delirio e sogno cantata interamente in un italiano "outer limits": Al di la. Lode a Margaret