giovedì, Agosto 18, 2022

Right Thoughts Right Words Right Actions, il ritorno dei Franz Ferdinand

Dieci anni di carriera, con la stessa formazione degli esordi non sono pochi. E la gioia è notevole anche nel sorriso un poco marcio di Alex Kapranos, leader dei Franz Ferdinand, band che appunto festeggia questo anniversario con l’uscita di un nuovo disco. Ovviamente, dopo l’uscita di soli tre dischi e innumerevoli ep, singoli e edizioni speciali, l’occasione non poteva essere trascurata. E’ così che Right Thoughts Right Words Right Actions, questo il nuovo Lp, è stato presentato questa settimana con un live da David Letterman, con tanto di folla in tripudio in stile Beatles (paragoni simili sono stati fatti ma mai troppo azzeccati).

La performance, già on demand sul sito della CBS,  ha abbondato di nuovi pezzi, inframezzati da cavalli di battaglia storici, ed è giusto dire che la differenza tra nuovo e vecchio era molto difficile da rintracciare. Sarà che il live ridotto all’osso riporta tutto all’interno di quella gamma circoscritta di suoni che ha fatto la loro fortuna: chitarre puntute, basso molto vintage e intermezzi tastieristici ad opera di Nick McCarthy. Comunque sia, la traccia che dà il nome al disco, pezzo d’attacco del quartetto di fronte alla platea americana, ha un tiro invidiabile e come sempre Kapranos, con quello sguardo sornione e seducente, finge di fare il bravo ragazzo preparandosi a far strage di donne. Di questo pezzo è già stato prodotto un video in stile infografica, che ai più ricorderà l’ormai mainstream Take Me Out, sostituendo all’immaginario costruttivista una visione più attuale. Stand on the Horizon, il seguente inedito, è più elaborata, è strutturata su almeno quattro parti, ma l’elettronica è ridotta all’osso: dove qualcuno immaginava un’evoluzione di Tonight: Franz Ferdinand è rimasto deluso. Evil Eye approfondisce il discorso sulle ritmiche, con un riff malefico, ma una qualunque The Dark of the Matinèe la supera in interesse e bellezza. Bullet sfoga la tanto sopita vena punk wave, spingendo il piede sull’acceleratore (sempre con camicie perfettamente aderenti, capello tirato a lucido e perfezione clinica). Treason! Animals sembra troppo complessa per piacere anche agli ascoltatori affezionati, con un organetto alla Suicide che arricchisce poco o niente. Sarà la coda lunga di Do You Want To a far dimenticare questi piccoli pasticci. In chiusura Love Illumination, di cui è stato tratto in questi giorni un video (è rinomata la bulimia di singoli editi dal gruppo per ogni disco), dai risvolti new wave, tant’è che la si potrebbe interpretare come una cover irriverente di Blondie.

Di questo nuovo disco in uscita forse sono state tratte le tracce più performanti a livello di live act, per cui è prematuro giudicare, ma nonostante ciò il gruppo si conferma come una solida rock band. I difetti sono un’innegabile legame con l’epoca in cui si sono fatti conoscere e una resistenza al cambiamento che sembrava essere vinta con gli innumerevoli esperimenti precedenti l’uscita dell’album Tonight: Franz Ferdinand (esperimenti poi spariti nel nulla e che forse vedranno la luce dopo la fine del gruppo). Detto questo aspettiamo il 26 Agosto per un giudizio completo.

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img