Indie-eye – VIDEOCLIP – Testata Giornalistica di Musica & Immagini

Viaggio giocoso insieme a Sebastiano de Gennaro nella sua formazione musicale. Un podcast audio esclusivo curato da Francesco D'Elia dove insieme al musicista di Besana prende forma il terzo numero di Personal Playlister. 

Di

Sebastiano de Gennaro è il protagonista del terzo numero di Personal Playlister Podcast.

Dopo Godblesscomputers e Giovanni Succi/Bachi da Pietra è il turno del quotatissimo percussionista, batterista e sperimentatore che ci racconta il suo primo album solista intitolato All My Robots attraverso la musica che ha amato e che in qualche modo lo ha influenzato. Un modo diverso per attraversare il lavoro di un artista in una sorta di recensione/conversazione maieutica, in linea con l’approccio di Personal Playlister.

Con Sebastiano De Gennaro insieme a Boulez e Fantomas, tra math rock e John Cage, vi auguriamo buon ascolto

All my Robots raccontato da Sebastiano De Gennaro – Personal playlister #3 by Indie-Eye Network on Mixcloud

È uscito per MeMe lo scorso 5 giugno il primo disco di Sebastiano De Gennaro. Il multi-percussionista, rumorista e compositore autodidatta ha esordito suonando i generi più diversi per poi essere ammesso al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, dove si diplomerà in Percussioni con il maestro Maurizio Ben Omar.

Le sue collaborazioni diventeranno numerose: dai Baustelle a Pacifico, Da Der Maurer a Edda, Dai Calibro 35 a Nada, da Marco Parente a Remo Anzovino fino all’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Tra i suoi progetti anche quello degli Esecutori di Metallo su Carta fondato insieme ad Enrico Gabrielli.

“All My Robots” è un omaggio a Isaac Asimov e sono dodici composizioni per piano e percussioni intonate ad elettronica. I riferimenti sono moltissimi, dalla dedica ad Olivier Messiaen fino alla musica cartoonistica di Raymond Scott oltre ai richiami in versione “math” al repertorio di  György Ligeti.

 

Francesco D'Elia

Francesco D'Elia

Francesco D'Elia nasce a Firenze nel 1982. Cresce a pane e violino, si lancia negli studi compositivi e scopre che esiste anche altra musica. Difficile separarsene, tant'è che si mette a suonare pure lui.