mercoledì, Gennaio 27, 2021

Sophie Auster – Dogs and men: la recensione

In una recente intervista per un magazine di questi usa e getta, interessati a classifiche e liste più che alla sostanza, Sophie Auster mette insieme Mule Varations di Tom Waits, il dancefloor di Pretty young thing, la scrittura di Charlotte Brontë, l’arte di Giacometti, il cinema di Truffaut e la marijuana. Una tavolozza ampia, ma che in qualche modo sembra germinare da una relazione elettiva con il passato e con tutto quello che è storicizzabile nei grandi archivi della memoria. Era così per l’esordio del 2005, composto attraverso la lente di certa poesia francese supportata dalle traduzioni del padre Paul; continuava quel percorso dalle parti di ballads e torch songs con Red Weather, breve EP di 25 minuti pubblicato tre anni fa. I due lavori differivano certamente per ambizioni, sopratutto dal punto di vista strumentale, perché la miscela di folk, Jazz e country-rock ridotta a forma fragilmente confidenziale nell’esordio, trovava una solidità maggiormente pop in alcuni episodi dell’EP, uno su tutti Run Run Run, già più vicino ai modi con cui Aimee Mann e Fiona Apple hanno reinterpretato la tradizione americana.

Bad Manners, primo singolo del nuovo corso e traccia introduttiva di Dogs And Men è strutturalmente una torch song, ma ribalta la malinconia di un cuore spezzato in quell’ansia di vendetta che in modo diverso infondeva rabbia a Criminal di Fiona Apple ed erotico sarcasmo a Black Hearted love di Pj Harvey, ovvero rovesciando lo stereotipo della femmina in gramaglie per un più onesto e ferino testa a testa con il desiderio. Il videoclip diretto da Kainco segue le liriche per analogia e mostra tre modelli maschili di cui Sophie si prende gioco, assumendo lo stesso ruolo scomodo della Harvey nella già citata Black Hearted Love, quello della stalker.

E l’intenzione di ridicolizzare volutamente la battaglia tra sessi spezza in due con una lama il mondo dei cani da quello degli uomini; ai primi la Auster affida la dimensione del sogno dedicando un brano ad un piccolo compagno di viaggio (A Dream about Jack), mentre i bipedi erompono nella libertà onirica incrinando la stabilità del cuore.

Il dissidio tra ragione e sentimento viene descritto dall’artista americana con un’esperienza ormai acuminata nell’impiego delle liriche: dirette e allo stesso tempo ricche di sfumature.

Prodotto da Jared Samuel, l’universo sonoro di Dogs and Men risente solo in parte dell’approccio dream folk del giovane musicista di Long Island, già con i suoi Invisible Familiars e collaboratore di Cibo Matto, Marta Wainwright e altri artisti. La Auster si muove ancora tra folk, Jazz e quell’impostazione apolide del tutto newyorchese che da questi stessi generi cerca di far emergere elementi popolari, reminiscenze Weilliane e Jangle Pop, con una confezione sofisticata e internazionale che a tratti ricorda il songtelling di Elivs Costello quando incamerava le asperità di Marc Ribot per mitigare la romantica malinconia delle sue canzoni  (I’m Going Down,  Leave Me strange). Ma c’è spazio anche per il suono di Memphis tra country-rock e soul (Our Mistake) e sopratutto per quella parata di crooner al femminile che trova nell’ultima Peggy Lee un riferimento preciso, tra tradizione e decadenza, a conferma del fatto che gli ascolti collezionati da Sophie Auster durante l’adolescenza, si sono trasformati in una scrittura personale, convincente e matura.

Sophie Auster – Bad Manners (Dir. By KAINCO)

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Barriera – la città mi fa terrore: il videoclip e l’intervista in esclusiva su indie-eye

Il motivo per cui chi scrive canzoni ha cominciato a girarsi anche i videoclip è per trovare uno spazio in cui poter continuare a raccontare. Sono parole di Barriera, al secolo Valerio Casanova, di cui presentiamo in esclusiva lancio "La città mi fa terrore", terzo capitolo di una trilogia che si conclude qui su Indie-eye con un'intervista al suo autore. Tra paura e desiderio, indie-eye continua ad ospitare le uniche contaminazioni urbane possibili, chi non se ne è accorto non ci legge con attenzione oppure è un fascista

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

ECONTENT AWARD 2015