lunedì, Ottobre 25, 2021

The Marigold – Kanaval: la recensione

Terzo album per la band di Marco Campitelli che per l’occasione ospita nell’organico Gioele Valenti (Herself) e Amaury Cambuzat degli Ulan Bator, autore tra le altre cose dei disegni per l’artwork del cd; e si fa assistere in consolle da un tecnico del suono del calibro di Toshi Kasai. Il risultato è un violentissimo attacco sonico che comincia quasi dalla parte dei CAN per avventurarsi in un’incompromissoria avventura tribale dove tutti gli elementi che hanno caratterizzato la musica dei The Marigold vengono estremizzati e deformati attraverso una lente che confonde limiti e generi.

Psichedelia, hard blues deviato, wave, shoegaze, garage,  gli anni ’90 di band come Bitch Magnet e Bastro e sopratutto un’attitudine impro molto più marcata che in passato, spinta sul confine di un Jazz visionario  che decostruisce l’impatto power trio in un’esperienza quasi cubista; basta pensare ad una traccia come Sludge – Jungle, dove i synth mimano quasi il suono di un John Hassell impazzito, un rapporto con la tradizione “world” che torna in altri episodi come  so say we all, dove mandolino e lapsteel guitar sono al servizio di un mantra visionario e ossessivo.

Quello che si perde in Kanaval è la recinzione del brano, perché se i riferimenti ci sono tutti, questi vengono decostruiti in una violenta tempesta free-form che ha pochi eguali in Italia (forse solamente i Father Murphy) per originalità, potenza, inafferrabilità e maleficio.

Ugo Carpi
Uogo Carpi ascolta e scrive per passione. Predilige il rock selvaggio, rumoroso, fatto con il sangue e con il cuore.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img