Indie-eye – VIDEOCLIP – Testata Giornalistica di Musica & Immagini

Il concerto dei The National al Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera (BS) dello scorso 29 luglio 2014 ha confermato come nessuna band ama il proprio pubblico più dei The National.  

Di

The National sono uno fra i gruppi più bendisposti nei confronti del proprio pubblico. Ne avevo già avuto il sentore in occasione del live sui parchi del Nos Primavera Sound di Porto, ed è stato nuovamente confermato durante il concerto di martedì 29 luglio per il festival Teneramente a Gardone Riviera. Matt Berniger i fratelli Davendorf e i gemelli Dessner accompagnati dagli ottimi turnisti Kyle Resnick e Benjamin Lanz, per un’ora e mezza hanno dimostrato una cosa fondamentale: che non serve ostentare antagonismo e distaccato per conquistarsi il pubblico, che a volte la scontrosità può cedere il passo ad un comportamento più disinvolto, meno da star e più profano, ma nonostante ciò vincente e ripagato a gran voce dal pubblico.

Il concerto inizia seduti, ma basta poco perché l’Arena del Vittoriale si addensi sotto il palco a formare fila imbacuccate nel gore-tex e nelle cerate. Nel giro di tre canzoni la fisionomia dell’anfiteatro cambia; non più fila ordinate ma gruppi di persone che cantano a squarciagola, seguono i movimenti gibbonici di Matt Berniger, lo sorreggono nei suoi pericolosi e traballanti sporgersi dal palco prendendosi, cautamente, cura di lui. In realtà è la voce profonda, calda e avvolgente di Matt a prendersi cura del pubblico, accompagnandolo lungo un percorso travagliato, romantico sì ma il più delle volte decadente e che s’avvia alla fine mantenendo un certo decoro anche nel momento del declino. Attingendo in gran parte dall’ultimo album, Trouble Will Find Me, e meno da quelli precedenti, The National non si dimenticano di aprire finestre su Alligator (The Geese of Beverly Road, Abel), High Violet (Bloodbuzz Ohio) e Boxer (Guest Room, Fake Empire) bilanciando in modo discreto le attese sulla setlist. Ma sviscerare la scaletta dice poco sullo spessore del concerto. La fisicità è la componente decisiva del live de The National e nonostante non si esprima in salti, capriole o balli audaci, il senso fisico pervade ogni minuto del concerto. La massa del gruppo di Cincinnati si mostra in altre cose: nei colpi inflitti a terra al manico della Gibson da Bryce Dessner, nella condivisione di Matt del proprio calice di bianco col pubblico e, in primis, nel consueto linciaggio a cui Matt si sottopone sulle note di Mr. November. Viene da pensare che il cavo di quel microfono sia sempre troppo corto e se ci fosse qualche metro in più Matt uscirebbe dal teatro, dallo stadio o dal parco ospitante per cantare in faccia al primo passante I’m Mr. November, I won’t fuck us over.

Se è vero che fra palco e platea esiste un muro invisibile, un limite invalicabile che tiene separate due percezioni dello spazio come fossero due mondi non comunicanti, un concerto dei The National dimostra il contrario e mi auguro che possa essere sempre così.

 

The National
live al vittoriale degli Italiani - Gardone Riviera

29 luglio 2014 |
TRACKLIST:

Don't Swallow the Cap | I Should Live in Salt | The Geese of Beverly Road | Bloodbuzz Ohio | Sea of Love | Hard to Find | Afraid of Everyone | Squalor Victoria | I Need My Girl | This Is the Last Time | Guest Room | Abel | Slow Show | Pink Rabbits | Graceless | About Today | Fake Empire

Encore

City Middle | Mr. November | Terrible Love | Vanderlyle Crybaby Geeks

 

Giulia Bertuzzi

Giulia Bertuzzi

Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.