Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

"Solo tu" anticipa l'album di V. Edo, ovvero Edoardo Vergara, in uscita il prossimo 15 aprile. Indie-eye presenta in esclusiva lancio il videoclip diretto da Francesco Leitner, regista di lungo corso che ha collaborato con RAI, La7, Sky. Oltre al video, vi raccontiamo la lavorazione e tutti i dettagli di produzione 

Di

[ Indie-eye REC, il portale musica di indie-eye network attivo dal 2005 sta per diventare Indie-eye DOC, il primo portale interamente dedicato ai videoclip ad affacciarsi in Italia, stay tuned e leggi le imminenti novità da questa parte]

Edoardo Vergara in arte V. Edo. scrive una musica caldissima e apolide che ricorda il folk del sud del mondo, Terry Callier, il Jazz dei nomadi e la terra di Manu Chau, ma senza per questo imitarne stile e impostazione. È un songwriter itinerante ed è proprio dalla condizione del viaggio che la sua musica esplode. Il 15 aprile 2016 grazie a Ponderosa Music&Art esce l’album omonimo. Ad anticiparlo il videoclip di “Solo tu” che indie-eye presenta in esclusiva lancio per l’Italia.

Il video è stato ideato ed elaborato da GPCom e supportato nella fase di produzione da H2B Video per la regia di Francesco Leitner, quarantottenne che lavora dagli anni 90 in RAI e che ha realizzato numerosi reportage giornalistici per programmi di informazione, proseguendo per La7, Sky Tg24 e Reuters. Leitner è anche un documentarista e realizza documentari d’arte per le televisioni straniere.

V. Edo Su Facebook

Francesco Leitner, canale Vimeo

V. Edo – “Solo tu” regia di Francesco Leitner

L’idea è partita ascoltando il brano ma anche soprattutto conoscendo V.Edo – ci ha detto Francesco Leitner – ho subito pensato a un tono leggero ma non superficiale, un clima solare, di bellezza e gioventù, di ragazzi vagabondi perché vogliono conoscere e imparare. Nello steso periodo ho avuto modo di conoscere Luciano Strasio un giovane falegname di Torino che si è inventato il Circoluce, due piccoli teatri di marionette montati su una bicicletta con cui d’estate attraversa pedalando l’Italia da Nord a Sud, fermandosi nei centri abitati per regalare il suo spettacolo ai bambini. Proprio lo stesso spirito solare e vagabondo di V.Edo. Da qui l’idea di mettere assieme le due cose sviluppando una trama, una volta messa a punto la sceneggiatura mi sono confrontato con V.Edo e Paz de Fina – il produttore artistico – che hanno subito condiviso lo spirito del video, dandomi delle indicazioni importanti sia in fase di pre che post produzione. Una volta scritto ”.

La trama di “Solo tu”
Luciano Strasio monta il Circoluce nella piazzetta del Mart di Rovereto, una specie di piccola festa per i bambini, mette in scena uno spettacolo di marionette dove due ragazzi che non si conoscono ma che potrebbero amarsi si cercano incessantemente senza sapere l’uno dell’altra. Di colpo, quando le due piccole marionette vengono tirate fuori per iniziare lo spettacolo, i due ragazzi in carne e ossa (Edo e Maria) si svegliano e inizia la ricerca uno dell’altra, come diretti da un filo invisibile (quello che comanda le marionette di Luciano). I due forse-amanti si muovono giocando anche con il testo del video. Nel finale, i due si incontrano ma proprio in quel momento Luciano ripone le marionette. Edo e Maria di vedono ma niente più. Troppo tardi, lo spettacolo è finito. Domani potrebbe succedere qualcosa…

Le location di “Solo tu”
L’approccio visivo di Edoardo e della band si fondono perfettamente con l’altro protagonista del video, il territorio trentino che dà vita ai brani di Edoardo. Rovereto e dintorni (in particolare Isera e Patone dove Edoardo è nato e da sempre vive) sono state le location ideali per raccontare in immagini la narrazione musicale di Solo Tu, anche perché per lo spettatore si tratta quasi di una finestra sull’animo dell’autore.

“Solo tu”, la pre-produzione”
I sopralluoghi sono durati un paio di giorni per capire le situazioni più coerenti con lo spirito del brano. Sono state individuate 9 location differenti in centro a Rovereto, altre 3 set video a Isera e nella frazione Patone (dove Edoardo vive), un altro set a Pomarolo, sempre a ridosso di Rovereto e infine una scena chiave alla Basilica di Montalbano. In tutto la produzione è durata 2 giorni.

“Solo tu” – la logistica
Per fortuna Rovereto e il Trentino hanno già una forte esperienza nel campo delle produzioni cinematografiche e questo ha reso tutto più semplice, anche se la produzione di videoclip è un po’ una novità nelle loro competenze. La Trentino Film Commission ci ha dato la sua sponda organizzativa, ma anche i comuni di Isera e Rovereto sono stati molto collaborativi. E poi il Mart (Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto) che ha offerto senza esitazioni la piazza di ingresso del museo ci è stato di enorme aiuto.

“solo tu” – la produzione
Abbiamo preferito una dotazione “leggera” per muoverci in fretta. H2B video ci ha fornito una troupe standard guidata da Marco Tridello, abbiamo scelto una fotografia che aumentasse il senso di qualcosa sospeso nel tempo e sognante, con una forte luce verso ill soggetto e l’area periferica molto contrastata, con toni tendenti al rosso e al grigio.
Per i movimenti macchina usato uno slider e un caro e vecchio crane, che hanno offerto i movimenti laterali e verso l’alto.

“Solo tu” in scena
In campo oltre a V.Edo anche l’attrice Maria Giulia Scarcella, 26, che studia recitazione all’Accademia nazionale d’arte drammatica “Silvio d’Amico” di Roma (ed è di Rovereto).
Poi in scena anche i bambini della Scuola Elementare di Isera (Istituto Comprensivo di Rovereto di Isera) e dei ragazzi che si sono prestati a fare la parte della band in versione più giovane.