Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Già esauriti i primi biglietti per il concerto dei Rolling Stones a Lucca. Il restante 65 per cento sarà messo in vendita su Ticketone a partire da sabato mattina. Nel frattempo, numerosi siti di secondary ticketing rendono illegalmente disponibili i titoli di ingresso per la data del 23 settembre, quintuplicando i prezzi 

Di

Sarà contento Federico Fiumani, che in un post pubblico comparso poche ore fa sul suo Facebook fissava il valore di un evento come quello degli Stones a Lucca sulle 3.000 euro simboliche: “Qui non si parla di esseri umani normali, qui si parla di leggende viventi“. Come dargli torto se i suoi show valgono circa 8 euro più i diritti di prevendita; la Storia non fa sconti esattamente come la logica e la matematica. 
Affermazioni boomerang a parte, sono già esauriti i primi biglietti per l’evento Lucchese del 23 settembre, messi a disposizione attraverso l’app ufficiale griffata The Rolling Stones e i canali preposti per i possessori di American Express.
Nonostante si parli da mesi di misure e proposte di legge per contrastare il fenomeno del Secondary Ticketing (dal PD al M5S) lo “spettacolo” si ripete tutte le volte senza varianti sostanziali al copione.

Su Viagogo.it un biglietto in area “pit” viene venduto a circa 1700 Euro, di seguito una screenshot

Mimmo D’Alessandro, patron del Lucca Summer Festival, rassicura sulle percentuali dei biglietti disponibili. Quelli che saranno messi in vendita su Ticketone dal prossimo sabato saranno circa il 65 per cento dei titoli di ingresso complessivi; per ora si sono venduti 22.000 biglietti. Le raccomandazioni sono le solite: diffidare delle rivendite non autorizzate, adozione di misure orientate al controllo incrociato dei dati per contrastare l’immissione dei titoli d’ingresso fuori dal recinto Ticketone.
Vedremo cosa accadrà con il filtro dell’unico rivenditore online autorizzato, al momento il risultato documentabile è la consueta metastasi. Oltre a Viagogo i biglietti sono presenti su numerosi siti non autorizzati a cifre triplicate e in alcuni casi, quintuplicate.