martedì, Settembre 29, 2020

Ka mate Ka ora – Entertainment in slow motion (DeAmbula Records, 2010)

C’è chi la lentezza la apprezza, chi è figlio dei tempi attuali e si crogiola nella frenesia della post-modernità, c’è chi nel bene o nel male in questi tempi deve viverci e non appena trova un ritaglio di tempo si dedica a rituali avvolti dalla calma, che sia il tè delle cinque o dieci minuti di riposo sul letto con lo stereo a palla. Non sono per tutti i Ka mate Ka ora, trio pistoiese dei fratelli Venturini, per questo le opinioni su di loro sono discordanti e l’unica parte che accomuna tutte le recensioni è “non è musica facile, è un disco pesante”. Il primo ascolto del loro lp d’esordio, Entertainment in slow motion, è stato in macchina, durante un viaggio di una cinquantina di km, nel sedile posteriore appoggiato al finestrino a guardare il tramonto toscano con il mio lettore cd d’annata. Mi sono addormentato alla prima canzone e svegliato alla sesta, con una vaga sensazione di essere rimasto ad ascoltare sempre la stessa. Non è una cattiveria, è un dato di fatto: la formula delle sonorità shoegaze, del basso che delinea i contorni di una forma ormai travalicata dalle chitarre debordanti e la lentezza strutturale di cui sopra si ripete per buona parte del disco. Il secondo ascolto è finito da pochi minuti, il terzo sta per ricominciare, appena prima di scrivere questo pezzo. E inaspettatamente mi ha convinto. Nella sua interezza e nella sua integrità. Nell’essere spudoratamente lento, in quell’atmosfera dove sembra che niente cambi ma invece con i tempi giusti si delineano umori, passioni, solitudini, rivoluzioni, martirii. E’ la morte, è la vita, dicono dal canto loro. E così è: la monotonia può essere una rappresentazione efficace dell’esistenza umana, i colpi deflagranti di chitarra le morti di piccole parti di sé. Ok, può non essere un’opera originalissima, può ripercorrere i Low e i Jesus and Mary Chain con meno feedback e distorsioni. Però quando meno te l’aspetti infilano una dietro l’altra una cover dei Baby Blue (Suga, con Maddaleno e Altavilla presenti al solo e alla voce), una ballata solo al piano, cioè The lowering sun.. e l’infinita As a night without moon, dal ritmo decrescente fino all’esaurimento spontaneo. Segni di vita apprezzabili, conferma piena.

Ka mate Ka ora su myspace

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Son Lux – Alternate World: il video di Truman & Cooper

I bravissimi Truman & Cooper dopo quel capolavoro che era "Hope" per i Kid Wise, tornano con un video per Son Lux, il bellissimo "Alternate World"

DOG DAY – you won’t see me on sunday 3D – video

You Won't see me on sunday è uno dei video in rotazione tratti da Concentration, l'ultimo album dei Dog Day, tredici gemme di indie pop senza troppi compromessi...

Du Blonde – il video di Hunter

Du Blonde, il video di Hunter girato in super 8

Leda – Pulviscolo, il video diretto da Caos Crew

Pulviscolo. Nuovo video dei Leda diretto da Caos Crew

Videomaker around the world – il format di Stefano Poletti. Il terzo episodio in esclusiva su indie-eye

Stefano Poletti, uno dei videomaker più importanti del nostro paese, autore di clip musicali per Nek, Irene Grandi, Baustelle, The Zen Circus, solo per citarne alcuni, lancia un format che spiega i segreti del suo bellissimo lavoro in viaggio per gli States. Ospitiamo tre episodi degli otto previsti, con un'intervista in esclusiva.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015